Tutto su malattie della tiroide, cancro alla tiroide e gozzo!

La tiroide è un organo a forma di farfalla situato sul collo. Grazie agli ormoni che secerne, regola molte funzioni del corpo. In caso di carenza o eccesso, può causare disagi e reclami molto gravi. Anche i problemi alla tiroide, che sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini, possono causare molti disturbi. Le funzioni tiroidee sono anche molto importanti per la salute generale del corpo. Perché lo squilibrio nel livello dell'ormone tiroideo influisce negativamente anche sul funzionamento di altri organi e sistemi. Le irregolarità nell'ormone tiroideo, che si verificano con disturbi come debolezza, perdita di peso e incapacità di perdere peso, riducono anche la qualità della vita della persona. Gli esperti del dipartimento di endocrinologia del Memorial Health Group hanno fornito informazioni sulle malattie della tiroide e sul loro trattamento.

Cos'è la tiroide?

Il nome tiroide è di origine latina e ha preso questo nome perché è paragonato allo scudo usato nelle guerre. In questo contesto, si può dire che la sua forma ricorda più una farfalla, anche se in alcuni dizionari viene anche chiamata "ghiandola scudo".

Se vista dalla parte anteriore del collo, la ghiandola tiroidea si trova sotto la mascella inferiore, che è più prominente negli uomini, e si trova appena sotto una protuberanza cartilaginea chiamata pomo di Adamo.

È un organo situato su entrambi i lati e parzialmente davanti alla trachea (trachea). Le parti situate su entrambi i lati della trachea sono chiamate parti destra e sinistra (lobo destro, lobo sinistro o tiroide destra, tiroide sinistra). La tiroide è una ghiandola endocrina. La sua funzione; Produce ormoni chiamati T3 e T4 e li rilascia nel sangue. Il compito principale di questi ormoni, che devono essere presenti nel sangue a un livello sufficiente, è quello di controllare tutti i processi legati al metabolismo dell'organismo e di assicurarne il corretto funzionamento.

>

Malattie della tiroide

Le malattie della tiroide possono essere classificate in modo diverso. Questo perché malattie diverse possono coesistere di volta in volta.

Malattie benigne della tiroide

Il primo gruppo di malattie benigne è l'ingrossamento della tiroide ed è generalmente noto come "gozzo". Questa crescita può essere sotto forma di urto (germogliamento) in una o più regioni della tiroide, dentro o fuori la tiroide. Il taglio bitorzoluto è chiamato nodulo e la tiroide ingrossata è chiamata gozzo nodulare.

Il gozzo contenente un singolo nodulo è chiamato gozzo singolo-nodulare e quelli con più di un nodulo sono chiamati gozzo multi-nodulare (gozzo multinodulare). Si può anche incontrare gozzo che cresce nella cavità toracica (gozzo sottosternale).

Il secondo gruppo di malattie benigne sono le menomazioni funzionali della tiroide. In altre parole, se la tiroide produce troppi ormoni, c'è una tiroide che lavora troppo. Questi sono anche chiamati gozzo tossico o ipertiroidismo. D'altra parte, se la tiroide produce meno ormoni per qualsiasi motivo, si verifica una condizione chiamata tiroide ipoattiva o ipotiroidismo. Sebbene non si verifichi alcuna compromissione funzionale nella maggior parte dei pazienti con gozzo, gozzo e compromissione funzionale possono essere osservati insieme in alcuni di essi.

Il terzo gruppo di malattie benigne sono le malattie infiammatorie della tiroide e alcune di esse possono anche essere gozzo. Malattia di Hashimoto (link-hashimto), ghiandola tiroidea autoimmune; In altre parole, è una malattia della tiroide che si verifica quando la persona riconosce il proprio meccanismo di protezione, il tessuto tiroideo come estraneo. Inoltre, i disturbi funzionali della tiroide sono più comuni in questo gruppo.

Malattie della tiroide maligne

Le malattie maligne vengono esaminate sotto il titolo di cancro alla tiroide. Quando vengono menzionati i tumori della tiroide, di solito si intendono i tumori derivanti dalle cellule nella struttura di base della tiroide. Esistono quattro tipi di cancro alla tiroide e poiché si vedono i due tipi più comuni, questi due tipi sono spesso considerati quando viene menzionato il cancro alla tiroide. Questi sono tumori tiroidei "papillari" e "follicolari".

Cos'è il gozzo?

L'allargamento della ghiandola tiroidea è chiamato gozzo. Il gozzo può essere trovato in diverse forme. Nel gozzo non nodulare, entrambe le ghiandole tiroidee sono ingrandite simmetricamente e la faccia tiroidea è piatta e morbida. Nel gozzo nodulare, c'è uno o più noduli nella ghiandola tiroidea con ingrossamento. La sua faccia è composta da nocche e protuberanze.

Quali sono le cause del gozzo non nodulare?

Il gozzo senza noduli si verifica quando la ghiandola tiroidea non produce una quantità sufficiente di ormone tiroideo per il corpo. Quando gli ormoni tiroidei vengono prodotti nel corpo, le cellule della ghiandola tiroidea vengono stimolate dal cervello a produrre più ormoni. Le cellule tiroidee stimolate si moltiplicano e crescono per consentire una maggiore produzione di ormoni.

Come si verifica il gozzo nodulare?

Gli impulsi del cervello a volte sono percepiti maggiormente da alcune cellule della tiroide e, di conseguenza, si moltiplicano più di altre cellule. Queste cellule proliferanti formano grumi nella tiroide chiamati noduli.

Qual è l'importanza del nodulo tiroideo?

Ai noduli tiroidei È comune, ma il 4-20% di questi è a rischio di cancro alla tiroide. Soprattutto quando un singolo piccolo nodulo cresce gradualmente, la sua durezza e aderenza all'ambiente circostante aumentano il sospetto di cancro. Il rischio di cancro è inferiore in un gozzo multi-nodulare.

Come vengono valutati i noduli tiroidei?

Le unità di Endocrinologia, Radiologia, Medicina Nucleare e Patologia collaborano con l'équipe chirurgica nella valutazione dei noduli tiroidei. Da un lato i noduli tiroidei vengono esaminati con l'ecografia per determinare se comportano o meno un rischio di cancro, dall'altro, l'esame scintigrafico eseguito dall'Unità di Medicina Nucleare e i valori ormonali controllati nel sangue si distinguono funzione o no. Vengono utilizzati farmaci e opzioni di follow-up invece di interventi chirurgici non necessari per piccoli noduli senza rischi. La biopsia con ago sottile è stata standardizzata nella ricerca sul cancro nei noduli tiroidei. Questa procedura viene eseguita da un chirurgo generale esperto e da un radiologo interventista insieme al patologo. Nei casi necessari, queste unità si uniscono al momento dell'intervento e danno un esempio di lavoro di squadra.

Che cos'è il lavoro eccessivo della tiroide (ipertiroidismo)?

La ghiandola tiroidea stessa, non correlata al livello di ormone tiroideo nel sangue, è chiamata ipertiroidismo per produrre continuamente più ormone tiroideo di quanto il corpo abbia bisogno. Anche l'ipertiroidismo è una condizione comune. In questo caso, le funzioni degli organi vengono accelerate. Di conseguenza, si osservano sintomi agli occhi come tremore alle mani, palpitazioni, intolleranza al calore, irritabilità, eccitazione eccessiva, sensualità, perdita di peso, sudorazione eccessiva, perdita di capelli, diarrea, protrusione oculare, diminuzione della forza, irregolarità mestruali nelle donne . L'ipertiroidismo, che è relativamente comune durante la menopausa, aumenta ulteriormente il già aumentato rischio di osteoporosi durante questo periodo.

Come viene trattato l'ipertiroidismo?

Nel trattamento dell'ipertiroidismo, l'ormone in eccesso prodotto nel corpo deve essere bilanciato in primo luogo. Per questo, possono essere utilizzati farmaci che riducono l'effetto degli ormoni tiroidei sui tessuti. Ma il metodo di trattamento ideale è con farmaci che riducono la produzione di ormoni. Dopo che la produzione di ormoni in eccesso è stata bilanciata nell'ipertiroidismo privo di noduli, il trattamento definitivo viene eseguito con trattamento chirurgico o con iodio radioattivo, noto come terapia atomica, nell'Unità di Medicina Nucleare. Nei casi con noduli, il trattamento definitivo viene eseguito chirurgicamente.

Che cos'è la tiroide ipoattiva (ipotiroidismo)?

Il malfunzionamento della tiroide è chiamato "ipotiroidismo". Sintomi di ipotiroidismo; debolezza, affaticamento, difficoltà di concentrazione, costipazione, brividi e intolleranza al freddo. Secchezza della pelle, rugosità della pelle e cambiamenti di colore che diventano arancioni, che a volte si pensa siano causati da malattie dermatologiche, possono anche svilupparsi a causa della ghiandola tiroidea ipoattiva. In questo caso, è utile consultare un endocrinologo. La causa più comune di ipotiroidismo è la malattia di Hashimoto di causa sconosciuta. In questa malattia, prima c'è un gozzo, poi la ghiandola tiroidea si restringe e diventa incapace di secernere ormoni.

Un altro fattore che causa l'ipotiroidismo è la chirurgia della ghiandola tiroidea. La ghiandola tiroidea, gran parte della quale è stata rimossa chirurgicamente, non può secernere abbastanza ormoni. Quando la ghiandola tiroidea è danneggiata, la secrezione ormonale diminuisce e si sviluppa ipotiroidismo nei pazienti trattati con iodio radioattivo. Alcuni farmaci possono anche causare ipotiroidismo.

Terapia con iodio (atomo)

La terapia con iodio, nota anche come terapia atomica tra le persone, viene applicata dopo interventi chirurgici per il cancro alla tiroide in cui la ghiandola tiroidea è sovraccarica di lavoro. Lo iodio radioattivo orale viene assorbito nello stomaco e nel sistema intestinale e viene quindi trattenuto dalle cellule tiroidee. Lo iodio ingerito distrugge le cellule tiroidee e ne attenua la capacità di crescita. La terapia con iodio è solitamente il trattamento più appropriato per il gozzo e la malattia di Basedow-Graves, che si verifica a causa del superlavoro della ghiandola tiroidea. Poiché la dose di iodio radioattivo utilizzata è bassa, non ci sono problemi per il paziente a tornare a casa.

I pazienti che riceveranno una terapia con iodio radioattivo a basso dosaggio devono recarsi in ospedale senza assumere farmaci per la tiroide ea stomaco vuoto. Per non diminuire l'efficacia del trattamento prima dell'applicazione di iodio radioattivo, i pazienti; Non dovrebbe consumare pesce, crostacei, cibi contenenti sale iodato o bevande a base di cola. Inoltre, anche i farmaci contenenti iodio devono essere sospesi prima del trattamento. Dopo che gli effetti del trattamento sono terminati, il paziente non ha bisogno di alcuna restrizione nutrizionale.

Sebbene di solito non ci siano effetti collaterali nei pazienti che ricevono il trattamento, raramente si possono verificare nausea o infiammazione temporanea delle ghiandole salivari. Gli effetti collaterali di bere molta acqua, consumare cibi come limone e gomme da masticare possono tornare alla normalità in breve tempo. Non è appropriato per donne in gravidanza e pazienti in dialisi che hanno difficoltà a rimuovere lo iodio dal corpo per ricevere un trattamento con iodio radioattivo.

>

Chirurgia tiroidea

La chirurgia per la tiroide avviene rimuovendo la tiroide conosciuta come "tiroidectomia" in medicina.

Questa procedura può essere eseguita unilaterale (tiroide destra o sinistra) o bilaterale a seconda del tipo di malattia e delle condizioni della tiroide. Nella chirurgia unilaterale, tutto il tessuto tiroideo in quella parte, e in un'operazione che riguarda la ghiandola tiroidea in generale, viene rimosso tutto il tessuto tiroideo su entrambi i lati. A volte, i linfonodi del collo vengono rimossi anche durante l'intervento chirurgico per il cancro alla tiroide.

Tecniche ausiliarie in chirurgia tiroidea

Uno dei problemi più importanti che possono verificarsi negli interventi chirurgici alla tiroide sono i problemi nella voce (discorso) che possono verificarsi a causa di lesioni o danni ai nervi che portano alle corde vocali.

Questi possono essere temporanei e permanenti. Mentre i problemi temporanei migliorano da poche settimane a pochi mesi, i problemi permanenti continuano per tutta la vita. Ci sono due nervi adiacenti alla tiroide. Il problema principale che si sviluppa a causa della lesione del nervo superiore è che la voce è stanca mentre si parla e non è possibile emettere suoni acuti.

Sebbene questo problema sia più evidente nelle persone che usano la propria voce in modo professionale (come artisti vocali, insegnanti), causa meno problemi alle altre persone.

A causa del danno al nervo inferiore, il secondo nervo, può verificarsi una vasta gamma di problemi, da lieve raucedine a voce insufficiente. Dopo un intervento chirurgico alla tiroide eseguito in centri esperti, le corde vocali sono protette a un tasso vicino al 100%. L'approccio più importante per prevenire danni ai nervi associati alla tiroide è proteggere visivamente questi nervi con un'attenta tecnica chirurgica. Negli ultimi anni è stata utilizzata una tecnica chiamata monitoraggio dei nervi, che consente di controllare i nervi superiori e inferiori con dispositivi speciali durante l'intervento chirurgico.

Tecnica di monitoraggio dei nervi

Monitoraggio dei nervi inferiori: Nella maggior parte dei pazienti a cui viene somministrata l'anestesia generale, un tubo viene posizionato nella trachea dopo che il paziente è stato messo a dormire per fornire una respirazione controllata del paziente durante l'intervento chirurgico. I tubi utilizzati nei pazienti con tecnica di monitoraggio nervoso sono diversi dai tubi standard e in questo tubo è presente un filo sensore (elettrodo) nella parte corrispondente alle corde vocali (corde vocali). Questo filo all'interno del tubo rileva il movimento delle corde vocali e lo converte in un'immagine sonora e grafica su uno schermo. Quando il nervo inferiore che porta alle corde vocali viene stimolato con uno stimolo durante l'intervento chirurgico, se il nervo è intatto, i fili cellulari si muovono, questo movimento viene riflesso visivamente sullo schermo e può essere udito come un suono. In altre parole, se il chirurgo riceve una risposta visiva e sonora a seguito della stimolazione del nervo, può concludere che il nervo è intatto. Pertanto, stimolando il nervo in varie fasi dell'intervento, può rilevare se c'è un problema durante l'operazione e può prevedere se il paziente incontrerà un problema sonoro dopo l'operazione sul tavolo operatorio e mentre sta ancora dormendo.

Monitoraggio dei nervi superiori: Come nei nervi inferiori, i nervi superiori vengono stimolati durante l'operazione e viene determinato se c'è un danno al nervo. Per questo, quando il nervo viene stimolato, si osserva se c'è una contrazione in un muscolo che viene attivato da questo nervo e situato nelle immediate vicinanze del tirot. Se viene rilevata la contrazione muscolare, si conclude che non vi sono lesioni o danni al nervo.

Questa tecnica ha diversi importanti vantaggi. Il primo di questi è che può rendere l'intervento più sicuro e quindi più veloce. Perché mostra che quando una formazione che non può essere determinata visivamente se è un nervo o meno, se è possibile ricevere il suono e la risposta dell'immagine, quella formazione non deve essere interrotta e quella struttura può essere facilmente tagliata quando non si ottiene alcuna risposta.

Il secondo importante vantaggio della tecnica è prevedere se ci sarà un problema di voce dopo l'intervento chirurgico mentre il paziente è sotto anestesia. Infine, la tecnica è correlata al metodo chirurgico e può fornire importanti indizi al chirurgo sull'entità dell'intervento.

Protezione delle paratiroidi

Le ghiandole paratiroidi, che sono strettamente adiacenti alla parte posteriore della tiroide, sono 4 in totale e ciascuna ha le dimensioni di una lenticchia.

Queste ghiandole hanno un ruolo importante nel mantenimento dell'equilibrio del calcio del corpo. Se tutte e quattro queste ghiandole vengono danneggiate o rimosse accidentalmente durante l'intervento chirurgico su entrambi i lobi tiroidei, possono sorgere alcuni problemi poiché il livello di calcio nel sangue può diminuire (ipocalcemia). Pertanto, l'attenzione prestata ai nervi durante l'intervento è valida anche per queste ghiandole e almeno una ghiandola del paziente deve essere protetta dai danni.

Un basso livello di calcio nel sangue di solito si sviluppa 24-48 ore dopo l'intervento chirurgico e si manifesta con intorpidimento e talvolta spasmi nella bocca, nelle dita delle mani e dei piedi del paziente. Questi problemi, che spesso si sviluppano a causa di lesioni, spesso si risolvono con la somministrazione di calcio a breve termine. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero aver bisogno di una terapia con vitamina D con calcio. L'obiettivo è mantenere il livello di calcio del paziente entro limiti normali.

>

Cancro alla tiroide

Il cancro della tiroide è una malattia rara e la maggior parte ha un decorso migliore rispetto ad altri tumori. Il primo passo dopo il rilevamento del cancro alla tiroide è l'intervento chirurgico. Dopo l'intervento chirurgico, il trattamento viene continuato con radioterapia e farmaci ormonali. Nella chirurgia del cancro della tiroide, se il cancro si è diffuso al linfonodo, di solito viene rimossa l'intera ghiandola tiroidea. Se si è diffuso ai linfonodi, anche i linfonodi possono essere rimossi. In genere si preferisce rimuovere l'intera ghiandola tiroidea. Questo metodo; È il trattamento più preferito perché riduce il rischio di recidiva della malattia, consente il trattamento radioattivo e facilita il controllo della malattia da parte dei medici. La terapia con iodio radioattivo inizia ad essere applicata sei settimane dopo l'operazione chirurgica. Lo scopo della somministrazione di alte dosi di iodio radioattivo a pazienti con cancro della tiroide è quello di eliminare il tessuto tiroideo rimanente e la possibile diffusione del cancro dopo l'intervento chirurgico.

Questo trattamento può essere somministrato solo in centri con sale per trattamenti appositamente attrezzate. Il motivo della necessità di una tale stanza è quello di evitare che la radioattività contamini l'ambiente in modo incontrollato da parte dei pazienti in cura. I pazienti possono continuare la loro vita normale fintanto che rimangono in questa stanza. La quantità di radioattività nel corpo dei pazienti viene misurata ogni giorno e quando viene raggiunto un livello che non ne impedisce la dimissione, i pazienti possono tornare a casa. Tuttavia, organizzano la loro vita obbedendo alle precauzioni da prendere per un'altra settimana a casa. I pazienti sono chiamati per il controllo a intervalli regolari e un metodo di follow-up è pianificato in base ai risultati degli esami. Tutti i pazienti le cui ghiandole tiroidee sono state distrutte dalla chirurgia e dal trattamento con iodio radioattivo assumono l'ormone tiroideo, che è il regolatore delle funzioni vitali del nostro corpo, dall'esterno (sotto forma di pillola) per tutta la vita. È necessario un approccio multidisciplinare (che coinvolga più di un ramo medico) per la corretta diagnosi, trattamento e follow-up delle malattie della tiroide (varie forme di gozzo e cancro della tiroide). Pertanto, i pazienti vengono gestiti principalmente da un endocrinologo.

Misura il rischio di malattie della tiroide

Hai trovato i battiti del tuo cuore troppo alti o troppo bassi? (Meno di 60 anni o più di 100)

Hai una sensazione di tensione e stiramento al collo?

Hai spesso sudorazione e perdita di capelli?

Hai improvvisamente guadagnato o perso peso in eccesso ultimamente?

Hai desquamazione, secchezza o un aspetto opaco sulla tua pelle?

Hai improvvisi attacchi nervosi o sonnolenza durante il giorno?

Hai gonfiore alle gambe?

La tua intolleranza al freddo o al caldo è aumentata negli ultimi tempi?

Hai episodi di stitichezza, diarrea o dolori addominali?

Sei smemorato? O ti senti incline alla depressione?

Se stai riscontrando alcune di queste situazioni, dovresti assolutamente consultare uno specialista.

Non trascurare i controlli della tiroide

C'è il rischio di sviluppare il cancro alla tiroide in alcuni dei noduli tiroidei. Per questo motivo, è di vitale importanza eseguire esami e scansioni tiroidee, soprattutto nelle regioni in cui le malattie della tiroide sono comuni, come il nostro paese. In presenza di questi noduli, consultare immediatamente un endocrinologo. Soprattutto le persone con una storia di cancro alla tiroide nei loro parenti di primo grado dovrebbero assolutamente sottoporsi a test ed esami della tiroide a intervalli regolari.

Prima della gravidanza è necessario controllare i valori della tiroide

In un gruppo di malattie chiamate "tiroidite", in particolare "tiroide di Hashimoto", che causa ipotiroidismo, cioè la ghiandola trioide non produce abbastanza ormoni, il trattamento principale è quello di seguire il paziente con farmaci regolari. Perché l '"ormone tiroideo", che non è prodotto dalla ghiandola tiroidea, viene somministrato esternamente sotto forma di pillola a pazienti la cui ghiandola tiroidea non funziona a sufficienza.

I pazienti che vogliono avere figli dovrebbero assolutamente valutare le loro funzioni tiroidee prima della gravidanza. La carenza di ormone tiroideo influisce negativamente sull'intelligenza e sullo sviluppo fisico del bambino nell'utero.

L'ormone tiroideo influisce sulla vita sessuale?

Colpisce le malattie della tiroide, le funzioni riproduttive e la vita sessuale. Il buon funzionamento della tiroide è necessario per mantenere le funzioni riproduttive in entrambi i sessi. L'ipertiroidismo o ipotiroidismo in entrambi i sessi provoca cambiamenti negli ormoni sessuali e nelle proteine ​​(SHBG) che trasportano questi ormoni nel sangue, influenzando i livelli degli ormoni sessuali.

Le funzioni riproduttive maschili sono influenzate sia dall'eccesso che dall'insufficienza dell'ormone tiroideo. L'eccesso di ormoni tiroidei (ipertiroidismo) può portare alla crescita del seno (ginecomastia) e ad una diminuzione della libido nei pazienti di sesso maschile. Mentre l'ipertiroidismo può causare danni alla motilità degli spermatozoi; L'ipotiroidismo causa deformità dello sperma che possono essere corrette correggendo il deficit di ormone tiroideo. D'altra parte, l'ipertiroidismo influisce anche sulla qualità della vita sessuale causando disturbi dell'erezione fino al 70% negli uomini. Questi risultati possono essere accompagnati da altri disturbi come l'anoressia sessuale, l'eiaculazione precoce e l'eiaculazione ritardata. I disturbi erettili osservati con il trattamento dell'ipertiroidismo migliorano, così come l'eiaculazione precoce diminuisce dal 50% al 15%.

Sia l'eccesso che la scarsità di ormoni tiroidei possono causare un deterioramento del ciclo mestruale nelle donne. I disturbi mestruali sono 2,5 volte più comuni durante l'ipertiroidismo. È noto che il fumo durante l'ipertiroidismo aumenta il deterioramento mestruale. Circa il 5,8% delle donne con ipertiroidismo ha infertilità; cioè, si vede l'infertilità. Nell'ipotiroidismo; La globulina legante gli ormoni sessuali diminuisce e i livelli liberi di ormoni sessuali aumentano nelle donne. Questa situazione migliora con il trattamento degli ormoni tiroidei. Circa il 68% delle donne con ipotiroidismo presenta irregolarità mestruali. L'ipotiroidismo è associato all'oligomenorrea (più di 35 giorni di cicli mestruali di sanguinamento). L'ipotiroidismo può anche causare disturbi nel sistema di coagulazione che controlla il sanguinamento e il sanguinamento mestruale eccessivo.

Il posto e l'importanza dello iodio nelle malattie della tiroide

Lo iodio è un elemento vitale. Lo iodio, un elemento vitale per il metabolismo, svolge un ruolo nella maggior parte delle funzioni fisiche e mentali. Deve essere assunto dall'esterno per molti processi metabolici, dalla combustione dei grassi in eccesso, soprattutto il buon funzionamento della ghiandola tiroidea e la produzione di ormoni sufficienti, al mantenimento del livello energetico richiesto dal sistema immunitario e dall'organismo.

Lo iodio si trova principalmente nel suolo e nell'acqua di mare in natura. Poiché la forma minerale si dissolve nell'acqua, si perde con l'erosione. Iodio nell'acqua di mare; si accumula nelle alghe / piante e nei pesci / crostacei. Le piogge prolungate rimuovono lo iodio dal terreno e possono causare carenza di iodio nelle verdure e nei frutti coltivati. Può anche causare gozzo nelle persone che mangiano questi alimenti.

Quanto ho bisogno di iodio quotidiano?

Fabbisogno giornaliero di iodio determinato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS):

  • 0-5 anni: 90 microgrammi / giorno
  • Tra i 6 ei 12 anni: 120 microgrammi / giorno
  • Giovani adulti e adulti: 150 microgrammi / giorno
  • Gravidanza e allattamento: 200 microgrammi / giorno

Il fabbisogno giornaliero aumenta di 1,5 volte nelle donne in gravidanza e di 2 volte nelle madri che allattano. Oltre alla ghiandola tiroidea, il tessuto mammario ha anche la capacità di trattenere lo iodio (in modo che possa passare nel latte).

La quantità di iodio negli alimenti diversi dal latte e dall'acqua potabile è insufficiente per gli esseri umani e la quantità di iodio nei mangimi naturali del bestiame è insufficiente per gli animali. D'altra parte, l'ingrasso industriale (sia l'integrazione per gli animali da latte, la lavorazione dei prodotti ottenuti da questi animali e le soluzioni iodate utilizzate durante le tecniche di igiene) può causare indirettamente un eccesso di iodio nell'uomo. Il latte e i latticini sono le più importanti fonti di iodio. Quelli che contengono iodio naturale sono il sale marino non trasformato e il salgemma.

Nel latte e nei prodotti lattiero-caseari biologici, lo iodio può essere inferiore perché non vengono apportate aggiunte. Le differenze stagionali e geografiche influenzano anche la quantità di iodio nel latte. Di solito il doppio in inverno. Il trattamento termico e la pastorizzazione riducono anche la quantità di iodio nel latte fino al 25%.

È stato dimostrato che la carenza di iodio può anche essere associata al cancro al seno, poiché può causare edema, brividi, aumento di peso, affaticamento cronico, diminuzione della libido / subfertilità (difficoltà di concepimento), diminuzione delle capacità / capacità intellettuali e malattie frequenti se assunto in modo insufficiente . Se il livello di iodio è basso nelle misurazioni effettuate nelle urine nonostante l'adeguato apporto; Se è accompagnato da una carenza di altre vitamine e minerali, suggerisce un problema di assorbimento come l'intolleranza al glutine e il disturbo della flora intestinale.

Lo iodio, un elemento vitale per il ma, svolge un ruolo nella maggior parte delle funzioni fisiche e mentali. Deve essere assunto dall'esterno per molti processi metabolici, dalla combustione dei grassi in eccesso, soprattutto il buon funzionamento della ghiandola tiroidea e la produzione di ormoni sufficienti, al mantenimento del livello energetico richiesto dal sistema immunitario e dall'organismo.

Lo iodio si trova principalmente nel suolo e nell'acqua di mare in natura. Poiché la forma minerale si dissolve nell'acqua, si perde con l'erosione. Iodio nell'acqua di mare; si accumula nelle alghe / piante e nei pesci / crostacei. Le piogge prolungate rimuovono lo iodio dal suolo e possono causare carenza di iodio nelle verdure e nei frutti coltivati. Può anche causare gozzo nelle persone che mangiano questi alimenti.