Palpitazioni, mancanza di respiro e gonfiore dei piedi possono indicare un buco nel cuore

Il buco del cuore è un importante problema di salute che rende le attività quotidiane difficili per i pazienti e talvolta pericolose per la vita. Mentre i buchi nel cuore sono stati per lo più chiusi chirurgicamente negli anni precedenti, al giorno d'oggi è possibile fornire un trattamento incruento e indolore con metodi non chirurgici. Prof. Dott. Nihat Özer ha fornito informazioni sul trattamento dei buchi cardiaci.

Il flusso sanguigno è regolare nel cuore pulsante sano

Nel cuore di una persona sana, il sangue circola in modo ordinato tra le camere destra e sinistra senza mescolarsi. Difetto del setto interatriale (ASD) cioè; In presenza di un buco tra i padiglioni auricolari, il sangue scorre sempre da sinistra a destra e ogni volta che il cuore batte, parte del sangue scorre dall'atrio sinistro all'atrio destro. La quantità di sangue diminuisce a sinistra e la quantità di sangue aumenta sempre a destra.

I buchi del cuore fanno sì che più sangue fluisca ai polmoni del normale. Un afflusso di sangue eccessivo interrompe la struttura dei polmoni ei polmoni diventano tesi. Nel tempo, può causare ipertensione polmonare e insufficienza cardiaca destra. Questa situazione riduce la qualità della vita della persona e può anche causare pericolo di vita. I coaguli di sangue nel sistema venoso delle gambe possono passare attraverso questo foro al cervello e causare blocchi e paralisi nei vasi cerebrali.

Se il foro del cuore è grande, dovrebbe essere chiuso

I piccoli fori di solito non influiscono sulla vita di una persona in quanto consentono una piccola quantità di passaggio del sangue e non causano problemi nelle età successive. Per questo motivo non è necessario coprire piccoli fori; tuttavia, la persona viene seguita con controlli di routine. Quando il foro è grande, il volume del sangue che passa da sinistra a destra sarà elevato e causerà danni incurabili alle cavità cardiache destre e all'arteria polmonare, quindi deve essere trattato.

I coaguli possono arrivare al cervello e a diversi organi

La transizione tra i padiglioni auricolari del cuore sotto forma di un tunnel piuttosto che un buco è chiamata PFO (Patent foramen ovale). Il PFO è presente nell'utero per la circolazione del bambino e si prevede che si chiuda immediatamente dopo la nascita. In situazioni che aumentano la pressione del lato destro come urgenza, alta pressione, immersioni profonde, voli lunghi, sangue contaminato e coaguli che possono provenire dalla gamba possono far sì che i coaguli arrivino alla cavità sinistra attraverso questo canale e da lì al cervello e organi diversi. Generalmente non causano problemi, ma in alcuni pazienti, nonostante l'uso di fluidificanti del sangue, prepara il terreno a danni neurologici come la paralisi da coagulazione ricorrente (embolia). Per questo, le condizioni del paziente dovrebbero essere valutate bene e dovrebbero essere eseguite le procedure per chiuderlo.

L'operazione viene eseguita senza anestesia generale

Nel metodo di chiusura non chirurgica, un percorso viene formato entrando nella vena inguinale con un ago senza anestesia generale e il foro viene facilmente chiuso posizionando due dispositivi di chiusura a forma di disco collegati tra loro attraverso questo modo. Poiché alcune persone possono essere allergiche ai materiali di cui sono fatti questi dispositivi di chiusura, devono essere interrogate prima della procedura. Il processo di chiusura del foro non chirurgico richiede 30-180 minuti. Il paziente potrebbe dover dormire per mezz'ora durante la procedura. Questa non è anestesia generale. Questo sonno è definito come sedazione profonda o sonno profondo. Quando il processo è finito, verrà immediatamente risvegliato. In alcuni pazienti, la procedura può essere eseguita anche da svegli.

Si integra con il tessuto cardiaco in 3-6 mesi

Il dispositivo di chiusura viene ricoperto di tessuto cardiaco in media entro 3-6 mesi. Il dispositivo di chiusura rimane qui in modo permanente. Non influisce negativamente sulla vita quotidiana della persona. I fluidificanti del sangue devono essere utilizzati per almeno 6 mesi per prevenire la formazione di coaguli sul dispositivo di sigillatura. Quando i fori non sono adatti per metodi di chiusura non chirurgici, viene pianificata la chiusura chirurgica.

Vantaggi del trattamento non chirurgico

  • La durata massima della degenza in ospedale è di 24 ore.
  • Dopo alcuni giorni di riposo a casa, il lavoro può essere fatto.
  • Non viene praticata alcuna incisione, è una procedura senza sangue.
  • L'anestesia generale non viene utilizzata
  • Non vi è alcun problema estetico in quanto non vi è alcuna cicatrice chirurgica.