Una nuova era nel trattamento della malattia da ictus: applicazioni endovascolari

L'ictus (ictus), che si colloca al terzo posto tra le cause di morte nel mondo dopo cancro e infarto, minaccia la salute di oltre 100.000 persone ogni anno nel nostro Paese. Tuttavia, negli ultimi anni, importanti sviluppi nel trattamento di questa malattia possono prevenire disabilità permanenti e perdite di vite umane. Gli esperti del Memorial Health Group Stroke Rehabilitation and Research Unit hanno fornito informazioni sul trattamento dell'ictus.

Uno studio scientifico (MR CLEAN Study) i cui risultati sono stati recentemente annunciati in ictus che si sviluppano a seguito di occlusione vascolare sembra aprire una nuova era. Sebbene i risultati di questo studio consentano di prolungare la finestra temporale da trattare dopo l'ictus, svolge anche un ruolo importante nel significativo aumento dell'efficacia del trattamento.

I PIÙ CURIOSI SUI NUOVI SVILUPPI NEL TRATTAMENTO DELL'ictus

Quali trattamenti sono stati utilizzati fino ad ora quando la paralisi si è sviluppata a causa dell'occlusione vascolare cerebrale?

Quando si sviluppa un ictus dovuto all'occlusione vascolare cerebrale, il trattamento con comprovato beneficio scientifico nel primo periodo include procedure per aprire il vaso occluso. Il trattamento farmacologico trombolitico per via endovenosa, che è stato utilizzato nel mondo dal 1996 e viene somministrato nelle prime 4,5 ore tramite una vena, è stato utilizzato nel nostro paese dal 2006.

Il trattamento vascolare endovenoso è efficace per ogni paziente con ictus?

I trattamenti per la dissoluzione dei coaguli per via endovenosa sono generalmente utili nella piccola occlusione vascolare del cervello. Nella paralisi grave dovuta a un'occlusione vascolare media e grande che alimenta il cervello, questo trattamento di dissoluzione del coagulo da solo non è sufficiente per aprire la vena.

Come si applica il trattamento angiografico se il trattamento di apertura vascolare attraverso la vena non è efficace?

Nella metodica angiografica eseguita attraverso l'inguine, è possibile rimuovere il coagulo nella vena mediante uno stent retrattile, proprio come nel vaso cardiaco. Soprattutto nelle prime 6-8 ore di ictus, circa l'80% della vena occlusa può essere aperta parzialmente o quasi completamente con questo metodo.

L'efficacia delle terapie di apertura vascolare eseguite con metodo angiografico è stata dimostrata?

In uno studio pubblicato di recente, l'efficacia del trattamento vascolare angiografico, che è stato applicato dal 1999 nell'ictus causato da occlusione vascolare da ricercatori olandesi, ma non ci sono dati scientifici sufficienti sui suoi risultati, è stata indiscutibilmente dimostrata. È stato dimostrato che il trattamento del vaso occluso con uno stent che estrae il coagulo all'interno dà risultati 2 volte migliori rispetto alla terapia farmacologica di dissoluzione del coagulo.

L'effetto del trattamento è sul pazientesul tardicomecadere?

Il trattamento angiografico dà risultati di grande successo. Mentre il 33% dei pazienti con ictus grave che hanno ricevuto questo trattamento, cioè uno su 3 pazienti viveva in modo indipendente e senza bisogno di altri, questo tasso era solo del 19% nel gruppo di pazienti non trattato, cioè è stato dichiarato come unico uno dei 5 pazienti.

C'è qualche situazione che riduce il beneficio della terapia angiografica?è?

Indipendentemente dall'età, dal sesso e dalla gravità dell'ictus iniziale, il trattamento è ugualmente efficace, il che significa che il beneficio del trattamento non diminuisce dopo una certa età, non c'è differenza tra i sessi e l'efficacia non diminuisce con l'ictus diventa più grave.

Esiste un limite di tempo per l'applicazione della terapia angiografica?

Prima viene eseguito il trattamento, maggiori sono le possibilità di successo. Il beneficio del trattamento dura fino a 6 ore dopo l'ictus. Come è noto, questo periodo è di sole 4,5 ore nei trattamenti medicati.