Cos'è la fusione ossea (osteoporosi)?

Cos'è l'osteoporosi?

La parola osteoporosi; Ha origine dalle parole greche osteon / osso e poros / piccolo foro e descrive molto bene i cambiamenti nel tessuto osseo in questa malattia. Ci sono buchi nella struttura dell'osso normale, ma nell'osteoporosi questi fori si espandono e fanno sì che l'osso diventi spugnoso e ne diminuisca la resistenza. La diminuzione della massa ossea aumenta il rischio di frattura.

Diagnosi di osteoporosi

Oggi l'osteoporosi è definita come una malattia sistemica che è caratterizzata da una bassa densità ossea e da un deterioramento della struttura ossea e aumenta la tendenza dell'osso a rompersi. La diagnosi viene effettuata mediante misurazione quantitativa della densità minerale ossea. Questa tecnica, chiamata densitometro osseo, è estremamente facile, economica e senza sforzo per il paziente. Fornisce risultati accurati e precisi sulla massa ossea. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stabilito criteri per la diagnosi dell'osteoporosi e la determinazione del rischio di frattura. Questi criteri si basano sul confronto dei valori ottenuti da persone la cui densità minerale ossea è stata misurata con le misurazioni di una donna di 25 anni.

Misurazione della densità minerale ossea

La misurazione della densità minerale ossea è un metodo di esame più necessario nelle pazienti di sesso femminile dopo la menopausa. La densitometria ossea è inclusa negli esami di controllo per le pazienti di sesso femminile di una certa età. Inoltre, menopausa post-operatoria (rimozione di ovaie e utero), menopausa precoce (età inferiore a 45 anni), osteoporosi con terapia farmacologica (steroidi), osteoporosi da inattività, osteoporosi da causa sconosciuta (idiopatica), tireotossicosi, iperparatiroidismo e alcuni malattie endocrine, è un metodo utilizzato in molti casi come il follow-up nei pazienti in postmenopausa, l'ipogonadismo negli uomini e il mal di schiena di causa sconosciuta dopo i 60 anni.

Produzione ossea e fattori ambientali

Ci sono anche alcuni fattori importanti che influenzano la struttura ossea legati allo stile di vita. L'attività fisica e una corretta alimentazione sono i più importanti di questi fattori ambientali. In anni di rapida formazione ossea, attività e nutrizione insufficienti fanno sì che le ossa siano meno dense del normale. Anche il fumo è un fattore negativo in questi anni. Una grave malattia durante l'adolescenza che richiede un lungo riposo a letto può impedire il guadagno della normale densità ossea. Va ricordato che migliore è la densità ossea raggiunta nei primi 20-25 anni di vita, meno grave è l'osteoporosi che si svilupperà negli anni successivi.

Produzione ossea normale

La formazione ossea è molto rapida nei feti e nei bambini. La formazione ossea rallenta fino all'età di 11 anni nelle ragazze e 12-13 nei ragazzi durante l'infanzia. Durante l'adolescenza inizia un rapido processo di ricostruzione e all'età di 18 anni la densità ossea che un adulto dovrebbe raggiungere è ampiamente raggiunta. Verso i 25 anni, potrebbe esserci solo un piccolo aumento. I principali ormoni che forniscono la formazione ossea nei primi 20 anni di vita sono l'ormone della crescita e alcuni ormoni minori, e gli estrogeni nelle donne e il testosterone negli uomini.

L'importanza dell'attività fisica

L'effetto positivo dell'esercizio è il massimo; Si avverte in un adulto che in precedenza ha svolto poca attività fisica. Camminare o fare jogging sono gli esercizi più consigliati dai medici. Il sollevamento pesi può anche aiutare a prevenire le fratture dell'anca. Alcuni studi hanno dimostrato che la massa ossea diminuisce quando si interrompe l'esercizio. Per questo motivo, l'esercizio dovrebbe essere cercato di essere continuo. Sarebbe opportuno consultare il proprio medico prima di partecipare a un programma di esercizi.

Effetti della menopausa sulla massa ossea

Poiché le ovaie non sono in grado di sintetizzare gli estrogeni dopo la menopausa, si verifica un'accelerazione della perdita ossea. È noto che la terapia con estrogeni preserva la massa ossea e previene le fratture dell'osteoporosi. Nelle fasi successive della menopausa (dopo i 60 anni), occorre prestare attenzione all'assunzione di calcio. In uno studio condotto nel 1992, le fratture dell'anca sono risultate inferiori del 30% nelle donne anziane che assumevano calcio rispetto a quelle che non lo facevano. Nel follow-up di persone in questo gruppo tre anni dopo, il tasso di fratture di coloro che hanno ricevuto calcio è ancora del 15% inferiore.

Prevenzione dell'osteoporosi

Non esiste un metodo di trattamento che possa garantire zero rischio di frattura. Tuttavia, la prevenzione dell'osteoporosi è generalmente correlata alle scelte di vita. Programmi di esercizi regolari e adeguati sono molto utili per tutte le età. In età avanzata e dopo i 60 anni, si dovrebbe dare importanza alla quantità di calcio nella dieta. Nelle donne in menopausa, la terapia estrogenica è il mezzo più importante per preservare la massa ossea e prevenire future fratture. Con la tecnica della densitometria ossea, puoi misurare la tua densità ossea facilmente, in modo economico e senza sforzo ed essere sicuro della tua salute.

Per Informazioni e Appuntamenti: 444 7 888 Dipartimento di diagnosi e cura di medicina nucleare