Malattie della retina

Gli specialisti del Dipartimento per le malattie degli occhi del Memorial Hospital forniscono informazioni sulle malattie della retina: la retina è composta da molti strati con compiti diversi. Lo strato dei fotorecettori è costituito da cellule, coni e bacilli fotosensibili. Le immagini luminose vengono trasformate in segnali elettrochimici all'interno dei fotorecettori. Sotto i fotorecettori c'è uno strato scuro chiamato epitelio pigmentato retinico (RPE). RPE assorbe la luce in eccesso e consente il trasporto di ossigeno, sostanze nutritive e rifiuti cellulari.

Degenerazione maculare

Molte malattie diverse che colpiscono la parte centrale della retina sono chiamate degenerazione maculare. La degenerazione maculare è una delle principali cause di grave perdita della vista nelle persone di età superiore ai 50 anni. La degenerazione maculare più comune è la degenerazione maculare legata all'età e colpisce soprattutto le persone di età superiore ai 60 anni.

Quali pazienti sono a rischio?

Le persone con questa malattia nella loro famiglia, i fumatori, esposti a luce solare eccessiva, ipertensione e malattie cardiovascolari hanno maggiori probabilità di contrarre questa malattia.

Degenerazione maculare precoce

La maggior parte dei pazienti con degenerazione maculare ha stadi iniziali della malattia e questi pazienti hanno poca perdita della vista e spesso la degenerazione maculare non progredisce in uno stato peggiore. Nelle prime fasi della degenerazione maculare, il trasporto di nutrienti e residui fornito da RPE è ridotto. Questi prodotti residui si accumulano sotto la retina e si formano depositi giallastri chiamati drusen. In questa fase, sebbene queste strutture chiamate drusen siano visibili all'esame del fondo oculare, di solito non ci sono lamentele sulla vista. La maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni ha drusen. Anche se non ci sono disturbi visivi in ​​presenza di druzen, è richiesto un follow-up regolare. In una minoranza di pazienti con drusen, quando si verifica una lieve perdita della vista, la degenerazione maculare può progredire in due modi: degenerazione maculare secca (atrofica) e umida (essudativa).

Degenerazione maculare secca (atrofica)

La degenerazione maculare secca è caratterizzata dall'accumulo di drusen nella retina. Avanza lentamente e provoca una moderata perdita della vista. Raramente può causare una grave perdita della vista. Il numero e le dimensioni delle drusen che si accumulano nella macula possono aumentare, portando ad atrofia nell'RPE e nelle cellule dei fotorecettori. Nella degenerazione maculare secca, il cambiamento dell'acuità visiva è coerente con la perdita di funzionalità nella parte interessata della retina. Occasionalmente, le cellule in una grande sezione muoiono. Questa si chiama "atrofia geografica" e crea un punto cieco al centro del campo visivo. Questo punto cieco è chiamato scotoma. Eventuali cambiamenti nella vista devono essere segnalati immediatamente all'oculista. Con la scheda "Amsler Grid" fornita dal medico, il paziente può fare un test da solo a casa e notare i cambiamenti. Inoltre, gli esami oculistici regolari sono molto importanti in termini di preservazione della vista, perché alcuni pazienti con degenerazione maculare secca possono tornare alla forma "umida", portando a una perdita della vista più grave. Non esiste una prevenzione o un trattamento comprovati della degenerazione maculare secca.

Degenerazione maculare dell'età (essudativa)

Il tipo umido (essudativo) di degenerazione maculare si verifica in una minoranza di pazienti con degenerazione maculare. I pazienti con grandi drusen "morbide" o una combinazione di molte drusen sono a rischio di degenerazione maculare umida. Nella degenerazione maculare umida, si formano nuovi vasi sanguigni sotto la retina. Questi nuovi vasi sanguigni sono chiamati neovascolarizzazione coroideale (CNV). Le CNV perdono sangue e fluido nella retina. In questa fase, gli oggetti vengono visti dal paziente come curvi o ondulati. Il paziente può anche rilevare sulla griglia di Amsler se vede ondulazioni o curve. Man mano che il danno progredisce nell'occhio del paziente, anche gli strati retinici vengono danneggiati, creando così punti ciechi nel campo visivo. Il minimo cambiamento nella scheda della griglia di Amsler può essere un segno di KNV. In questo caso, è necessaria immediatamente una visita oculistica. Se queste lesioni vengono rilevate abbastanza presto, possono essere trattate con il laser. Se la malattia non viene curata, la cicatrizzazione è l'ultima fase della malattia e spesso si conclude con una grave perdita della vista. La degenerazione maculare coinvolge solo il centro della retina. La visione periferica, cioè la visione circostante, è raramente influenzata. Sebbene la degenerazione maculare sia una delle cause più importanti della cecità legale, raramente si traduce in una cecità completa.

Quali sono gli esami effettuati?

Il test più utile per rilevare la presenza di neovascolarizzazione coroideale è la fluorangiografia (FFA). L'FFA è un esame molto diverso dall'angiografia cardiaca o cerebrale ed è indolore, facile e sicuro. Una sostanza colorante viene iniettata nella vena del braccio e vengono prelevate le pellicole dell'occhio. Raramente può causare nausea, vomito e prurito. L'urina e la pelle vengono tinte di giallo per 1 giorno. L'angiografia con verde indocianina (ICG) viene utilizzata in alcuni pazienti per lesioni che non possono essere rilevate dall'angiografia con fluoresceina. Anche gli effetti collaterali sono rari nell'ICG. Poiché il colorante indocianina contiene iodio, i pazienti con allergia allo iodio dovrebbero segnalarlo al proprio medico.

Quali sono i trattamenti applicati?

Laser: Nel trattamento standard della degenerazione maculare umida, il laser viene utilizzato per coagulare la neovascolarizzazione coroideale (CNV) e prevenirne la crescita. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti che sviluppano CNV non sono candidati idonei per la terapia laser. I criteri di ammissibilità dipendono dalla posizione e dalle dimensioni del KNV. In alcuni pazienti, l'area interessata potrebbe essere troppo grande per essere trattata. Vantaggi, limiti e potenziali rischi del trattamento laser devono essere spiegati in dettaglio dal medico. Il trattamento laser viene eseguito con anestesia a goccia. Il laser viene applicato direttamente sul CNV e il paziente potrebbe avvertire un leggero fastidio durante questo periodo. Dopo il trattamento, si forma un tessuto cicatriziale nel sito del laser e questo rimane come un punto cieco. È necessario saperlo; Poiché il laser distrugge una piccola parte della retina con la CNV, la vista può aumentare solo in alcuni pazienti. Quando le CNV non vengono trattate, si moltiplicano e lasciano un tessuto cicatriziale più grande, quindi la vista è molto inferiore nei pazienti non trattati. Poiché le CNV possono ripresentarsi dopo il trattamento, i pazienti necessitano di FFA frequenti e controllo del fondo oculare a intervalli frequenti. Terapia fotodinamica: Nel trattamento fotodinamico della degenerazione maculare umida, il laser a bassa energia viene utilizzato insieme a una speciale sostanza sensibile alla luce colorata. Come con l'angiografia, questa sostanza colorata viene somministrata attraverso una vena del braccio per circolare nel corpo. Questa sostanza si raccoglie dopo un certo periodo di tempo nelle aree di crescita vascolare anormale negli occhi. A questo punto, la terapia laser a bassa intensità viene applicata alla neovascolarizzazione coroideale. Il materiale colorato iniettato attraverso la vena assorbe specificamente l'energia laser in modo che vengano distrutti solo i vasi sanguigni in cui viene raccolto il materiale colorato. Nella terapia fotodinamica, a differenza della terapia laser convenzionale, il tessuto retinico superiore non viene danneggiato. Dopo la terapia fotodinamica, le CNV possono ripresentarsi e possono essere necessarie ripetizioni di questa terapia.

Quali sono gli altri metodi di trattamento?

La radioterapia a basso dosaggio, la rimozione chirurgica dei CNV, il trapianto di epitelio pigmentato retinico, la chirurgia di traslocazione maculare, la terapia laser per drusen e la terapia farmacologica sono in fase sperimentale e l'efficacia e l'affidabilità di questi metodi di trattamento sono oggetto di studio in vari centri intorno al mondo. I pazienti con degenerazione maculare vedono molto poco da vicino. Leggere vicino agli occhiali non aiuta. Utilizzano principalmente dispositivi di ausilio per l'ipovisione come lenti di ingrandimento e monitor di lettura.