Hipec

Nel punto in cui la risposta desiderata non può essere ottenuta dal trattamento del cancro, il metodo "chemioterapia calda intraaddominale-HIPEC", che è un metodo che aumenta la qualità della vita e il comfort del paziente, offre vantaggi significativi.

CHE COS'È HIPEC?

HIPEC; Chemioterapia intra-addominale ipertermica - Chemioterapia intra-addominale) è una forma di trattamento chiamata "Chemioterapia intraperitoneale ipertermica" ed è stata citata frequentemente nel trattamento del cancro negli ultimi anni. Oggi, vengono utilizzati molti metodi diversi nel trattamento del cancro e si è ottenuto un successo significativo. L'applicazione della chemioterapia calda intra-addominale, chiamata HIPEC, è uno dei passi più importanti intrapresi in questo campo in termini sia di allungamento della vita del paziente che di miglioramento della qualità della vita.

IN QUALI MALATTIE VIENE UTILIZZATO?

In alcuni tumori derivanti da organi intraaddominali, la chemioterapia sistemica somministrata per via endovenosa prima (terapia neoadiuvante) o dopo (terapia adiuvante) o sia prima che dopo l'intervento chirurgico può non dare la risposta attesa. In questo caso, quando la risposta desiderata ai trattamenti non viene raggiunta, la malattia progredisce gradualmente e alla fine la vita del paziente può essere messa in pericolo.

Nei pazienti con coinvolgimento peritoneale nella fase avanzata del cancro, il liquido (acido) inizia ad accumularsi nell'addome. Questo fluido può far gonfiare gradualmente l'addome del paziente e la pressione e la tensione che crea, causando problemi alla respirazione e alla circolazione. A volte diventa così comune che impedisce persino al paziente di sdraiarsi. Inoltre, provoca anche la diffusione delle cellule tumorali ad altre aree dell'addome. Sebbene sia possibile drenare il fluido attraverso la cannula per rilassare il paziente, ci sarà una nuova raccolta del fluido man mano che la patologia continua. Un gruppo di pazienti con cancro avanzato è costituito da persone che hanno abbandonato tutte le opzioni di trattamento e, in questo caso, il trattamento HIPEC che prolungherà la vita del paziente e fornirà comfort di vita viene alla ribalta. Con questa procedura si ottengono risultati positivi nei tumori del peritoneo, dell'appendice e dell'ovaio nelle donne. Oltre a questi, è stato utilizzato anche nel cancro dell'intestino crasso, dello stomaco e, recentemente, del pancreas.

Alcuni componenti non devono essere ignorati durante l'esecuzione di tali trattamenti. Ha senso quando tutte le fasi del trattamento vengono eseguite insieme. Ad esempio, nei pazienti con cancro gastrico, viene avviata la "Chemioterapia sistemica intraperitoneale neoadiuvante -NIPS", seguita da chirurgia citoriduttiva + peritonectomia + HIPEC seguita da resezione gastrica, seguita da chemioterapia sistemica. La sola applicazione HIPEC può essere applicata solo alla “palliazione”, cioè per ridurre i disturbi, in pazienti con ascite non idonei alla chirurgia citoriduttiva a causa delle loro condizioni generali e patologiche. Questa applicazione, che non ha alcun effetto sulla sopravvivenza, viene eseguita per via laparoscopica tramite cateteri posti nell'addome.

OPZIONI DI TRATTAMENTO NEL CANCRO INTRA-addominale AVANZATO: HIPEC

Con l'applicazione della chemioterapia nell'addome, si mira a quanto segue: Gli organi addominali sono coperti dal peritoneo chiamato peritoneo. Questa struttura copre sia la superficie degli organi addominali che la superficie interna della parete addominale. Pertanto, piccole quantità di agenti chemioterapici applicati nell'addome influenzano direttamente le cellule tumorali nell'organo bersaglio e altri organi e aree in cui si sono diffuse e distruggono le cellule tumorali.

COME SI APPLICA IL TRATTAMENTO HIPEC?

Cancro; Può diffondersi attraverso il sangue, i linfonodi e riversarsi nella cavità addominale. Pertanto, nei tumori intra-addominali, il tumore può diffondersi al peritoneo nella fase avanzata della malattia. In questo caso, che si verifica nell'ultimo stadio del cancro, i farmaci somministrati per via endovenosa al paziente potrebbero non raggiungere il peritoneo al livello desiderato e il trattamento diventa insufficiente. Tuttavia, il peritoneo, che è coperto da un tumore denso, va valutato filosoficamente come un organo, vengono puliti anche gli organi o organi coinvolti con il peritoneo e microscopicamente si cerca di renderlo il più possibile privo di tumore . Questa procedura è chiamata "chirurgia citoriduttiva + peritonectomia". Seguendo queste procedure, farmaci che distruggono il tumore con una temperatura di 42-43 gradi vengono somministrati nell'addome con un apparato speciale. Il processo di lavaggio intra-addominale richiede dai 60 ai 90 minuti. è completato tra. Durante questo periodo, ha lo scopo di distruggere le cellule tumorali a livello microscopico.

Il peritoneo e altri organi (ovaie, colon, stomaco, ecc.), Che sono coinvolti con l'organo canceroso dell'intero addome, vengono rimossi e viene eseguita una citoriduzione macroscopicamente completa o quasi completa con una pulizia del tumore. Durante queste procedure, potrebbe essere necessario portare temporaneamente l'intestino tenue o crasso alla parete addominale. Al termine del trattamento, l'intestino viene reintrodotto. Senza queste procedure, l'applicazione HIPEC da sola non avrebbe molto senso. D'altra parte, non ha molto senso eseguire la chirurgia citoriduttiva + da sola peritonectomia. Questi due componenti dovrebbero completarsi a vicenda. Dopo chirurgia citoriduttiva + peritonectomia + HIPEC, deve essere supportato da chemioterapia sistemica. L'applicazione HIPEC viene eseguita dopo la pulizia del tumore intra-addominale. Dopo la pulizia del tumore, un totale di quattro drenaggi vengono posizionati nei quadranti inferiore e superiore dell'addome. Le estremità degli scarichi all'esterno dell'addome sono montate sul dispositivo HIPEC (un dispositivo speciale che riscalda il fluido chemioterapico). Due sonde termiche sono poste nella parte inferiore dell'addome e una nella parte superiore per monitorare il livello di temperatura. Pertanto, finché viene somministrata la chemioterapia, la temperatura viene mantenuta al livello costante desiderato e seguita. Il fluido chemioterapico somministrato deve essere di 42-43 gradi centigradi. La quantità di liquido chemioterapico somministrato è di circa 3 litri. Il tempo di lavaggio con liquido chemioterapico è di circa 60-90 minuti. Alla fine della procedura, il liquido nell'addome viene ripreso e la procedura viene interrotta. Per questa operazione sono necessarie una buona preparazione del paziente e una collaborazione di gruppo con esperienza, che può richiedere 6-10 ore per l'intera operazione.

DOMANDE FREQUENTI SUL TRATTAMENTO HIPEC

Perché i farmaci chemioterapici vengono somministrati mediante riscaldamento?

• Riscaldando farmaci antitumorali nell'addome, facilita la penetrazione del farmaco nel tessuto e aumenta l'effetto di uccisione delle cellule tumorali dell'agente chemioterapico selezionato.

• Il calore stesso ha un effetto antitumorale e il calore contribuisce alla distribuzione uniforme del farmaco su tutte le superfici dell'addome e su tutte le superfici dell'addome.

• Durante il processo HIPEC, le cellule tumorali vengono eliminate meccanicamente dalle superfici dell'intestino tenue e dagli strati di coaguli di fibrina.

In quali casi non viene applicato?

L'applicazione HIPEC non viene eseguita nei casi che hanno origine da organi intra-addominali ma hanno anche metastatizzato ad organi e tessuti extra-addominali, cioè in casi di coinvolgimento esterno dell'addome (cervello, ossa, metastasi polmonari…). Se ci sono tre o meno focolai metastatici nel fegato, possono essere rimossi e può essere applicato HIPEC. Tuttavia, HIPEC non è indicato nei casi di metastasi epatiche diffuse. L'organo importante per una procedura è l'intestino tenue. Le resezioni dell'intestino tenue sono incompatibili con la vita, poiché l'intestino tenue è gli organi che assorbono i nutrienti nell'apparato digerente. Pertanto, non ha molto senso applicare HIPEC a pazienti con un esteso coinvolgimento dell'intestino tenue.

Qual è l'impatto sull'aspettativa di vita e sulla qualità?

La maggior parte di questi pazienti sono pazienti con cancro in stadio avanzato la cui aspettativa di vita è limitata a mesi. Questo importante dettaglio non deve essere ignorato, va tenuto presente che la malattia non può essere completamente curata ed eradicata, ma il comfort e l'aspettativa di vita possono essere estesi.

L'applicazione HIPEC ha anche diversi risultati a lungo termine in diversi tumori degli organi intra-addominali. In questi casi in stadio avanzato, il tasso di sopravvivenza a 5 anni per lo pseudomixoma peritonei, che è il cancro del peritoneo, è intorno al 66% -97%. I tumori ovarici degli organi addominali sono i tumori che forniscono il miglior beneficio e la sopravvivenza a 5 anni è di circa il 50%. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni nei tumori del colon è di circa il 30% nei casi idonei. Questa situazione è leggermente diversa nei tumori dello stomaco e progredisce peggio dei tumori delle ovaie e del colon. Mentre l'aspettativa di vita dei pazienti con carcinoma gastrico avanzato con metastasi peritoneali è normalmente di circa 6 mesi, è molto promettente parlare della sopravvivenza a 5 anni di una certa percentuale di pazienti.

Ci sono rischi per l'applicazione?

Il rapporto di rischio della chirurgia citoriduttiva e della chirurgia HIPEC, che è una forma complessa di trattamento, è superiore rispetto ad altre operazioni standard elettive. Tuttavia, si ottengono buoni risultati in pazienti ben preparati prima dell'intervento e seguiti dall'osservazione durante l'operazione. Durante l'intervento chirurgico, sanguinamento, embolia (come polmone, cervello); Si possono riscontrare complicazioni come insufficienza del midollo osseo dovuta a chemioterapia, insufficienza renale, deiscenza anastomotica e infezione della ferita. Tali complicazioni possono essere organizzate in centri esperti da team esperti e ridotte al minimo. La mortalità postoperatoria, in altre parole il rischio di perdere il paziente, appare in diverse percentuali in letteratura, ma la media è compresa tra lo 0 e il 7%. In casi di cancro così avanzati e gravi, considerando il comfort di vita e il tempo di sopravvivenza raggiunto con questo metodo di trattamento, il rischio di complicanze e morte è a un livello accettabile.

A chi è adatto?

I pazienti la cui valutazione delle condizioni generali e il punteggio sono sufficienti e non vi è diffusione a organi e tessuti extra-addominali sono pazienti idonei per la chirurgia citorduttiva + HIPEC.

Cosa dovrebbe essere considerato nella dieta post-HIPEC?

Il consumo di zucchero dovrebbe essere decisamente ridotto il più possibile. Perché la cellula tumorale si nutre di zucchero. Per questo motivo è necessario evitare soprattutto cibi contenenti zucchero. Mentre il paziente pensa di mangiare cibi zuccherini, in realtà sta alimentando la cellula tumorale. Solo la soda può essere bevuta da bevande acide. Tuttavia, ciò dipende anche dall'area in cui viene operato il paziente. Le bevande ascetiche non sono raccomandate per un paziente che ha subito una gastrectomia totale. Fatta eccezione per le bevande acide zuccherine, la soda può essere bevuta nei pazienti al di fuori di questo gruppo. Inoltre, la dieta dopo HIPEC progredisce come dieta a base di proteine ​​sotto il controllo di un dietista.

La chemioterapia sistemica viene applicata anche ai pazienti sottoposti a HIPEC?

Sì, HIPEC non è un metodo autonomo. Prima che ci sia un processo di chemioterapia. HIPEC viene applicato quando il tumore smette di ridursi dopo un certo punto della chemioterapia o quando il tumore inizia a progredire e gli effetti collaterali della chemioterapia sistemica, cioè normale, aumentano. Dopo che questi effetti collaterali diminuiscono, la chemioterapia sistemica viene continuata. Quando la dose dei farmaci somministrati ai tumori che si sono diffusi con la chemioterapia sistemica non è sufficiente, questa dose non può essere aumentata. Perché l'aumento della dose può compromettere le funzioni vitali del paziente. Pertanto, la chemioterapia sistemica diventa più efficace in quanto la massa tumorale viene ridotta o quasi completamente eliminata dopo l'applicazione di HIPEC da applicare insieme alla chirurgia citoriduttiva in questo gruppo di pazienti. Perché l'area tumorale contro cui combattono i farmaci chemioterapici diventa più piccola.