Anche essere intorno ai fumatori aumenta il rischio di cancro ai polmoni

Il cancro al polmone è al primo posto tra i decessi per cancro nel mondo e nel nostro paese. L'85% dei casi di cancro ai polmoni è costituito da fumatori. Mentre fumare 1 pacchetto al giorno per 10 anni aumenta significativamente il rischio di malattia, il numero di fumatori passivi con cancro ai polmoni aumenta di giorno in giorno. Capo del dipartimento di chirurgia toracica presso il Memorial Şişli Hospital Prof. Dott. Adnan Sayar ha fornito informazioni sul cancro del polmone e sul suo trattamento prima del "mese di sensibilizzazione sul cancro ai polmoni, 1-30 novembre".

Il cancro ai polmoni sta diventando comune tra le donne

Sebbene il tasso di aumento annuale del cancro al polmone aumenti nei paesi in via di sviluppo, la sua incidenza diminuisce a causa della comprensione dei danni del fumo e della diminuzione dell'uso nei paesi sviluppati. D'altra parte, il tasso crescente di fumo tra le donne ha anche aumentato il tasso di aumento annuale.

La frequenza del fumo è importante

La quantità di sigarette fumate durante il giorno ha un ruolo importante nel tasso di cancro ai polmoni. Se una persona fuma 20 sigarette al giorno per 10 anni, il rischio di sviluppare un cancro ai polmoni aumenta in modo significativo. Inoltre, l'esposizione ambientale, in altre parole, alcune sostanze radioattive e cancerogene a cui siamo esposti dalla natura e le sostanze chimiche a cui siamo esposti nella vita cittadina moderna accelerano questo fenomeno. L'85% dei tumori polmonari è associato al fumo. Tuttavia, un tasso del 15 percento può essere dovuto a motivi per non fumatori. Inoltre, anche i fattori genetici giocano un ruolo molto serio ".

Non dire che il mio amico beve, non io

Il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni aumenta anche in modo significativo nei fumatori passivi. Sia per i fumatori che per i fumatori passivi, la cosa peggiore del fumo è che non fa nulla subito; Dopo decenni, se ne vedono gli effetti dannosi. I fumatori passivi hanno anche un aumentato rischio di sviluppare il cancro ai polmoni nelle case fumatori. Anche i bambini in quelle famiglie hanno maggiori probabilità di contrarre infezioni polmonari. "

Conosci il tuo albero genealogico per conoscere il tuo rischio

Le persone con cancro ai polmoni nella loro famiglia corrono un rischio molto grave. La probabilità di avere un cancro ai polmoni aumenta di 4-5 carte in coloro i cui parenti stretti, soprattutto parenti molto stretti come la madre e il padre, hanno il cancro ai polmoni. Se queste persone fumano in aggiunta, aumenterà di decine di volte. Pertanto, sia le sigarette che queste sostanze chimiche dovrebbero essere evitate il più possibile ".

Sospetta tosse da grandine

Prima di tutto, se la persona ha più di 40 anni, ha una tosse che non dura da 15 giorni, produce espettorato o anche una volta che ha espettorato sanguinante, dovrebbe essere consultato uno specialista. Quando un medico viene visitato con tutti questi disturbi, vengono eseguiti prima gli esami radiologici per la diagnosi di cancro ai polmoni; vengono prese una pellicola normale e una tomografia. Vengono quindi eseguite le procedure diagnostiche; Si tratta di metodi non invasivi che possono essere eseguiti ambulatorialmente, come biopsie con ago e broncoscopia. Al termine, viene avviata la fase di stadiazione del paziente. Dopo la diagnosi, i tumori polmonari si dividono in piccole cellule e non piccole cellule. I pazienti a piccole cellule sono solitamente candidati a trattamenti oncologici, in particolare chemio-radioterapia. Ma in un gruppo di cellule non a piccole cellule, la chirurgia viene alla ribalta. Per la stadiazione completa del paziente, nella cavità toracica vengono eseguiti MRI cerebrale, imaging PET e, se possibile, mediastinoscopia, esami endoscopici videotoracoscopici. Se la malattia viene rilevata in una fase iniziale, diventa un candidato per un intervento chirurgico alla fine di tutti questi esami. La candidatura alla chirurgia corrisponde solo al 15 per cento dei pazienti con diagnosi di polmone. Questo piccolo gruppo del 15% è composto da pazienti che sono stati completamente stadiati, non hanno coinvolgimento linfonodale e diffusione a distanza e il cui tumore può essere rimosso. Un altro gruppo di pazienti potrebbe non essere candidato alla chirurgia a causa dell'estensione della malattia, delle condizioni generali alterate o della capacità respiratoria insufficiente (prestazione cardiaca).