Il reflusso può causare attacchi di asma

L'asma allergica è in aumento. L'inquinamento atmosferico, l'aumento dei gas di scarico con i nuovi veicoli che entrano nel traffico, i condizionatori d'aria negli uffici, i tappeti usati nei rivestimenti dei pavimenti, la polvere dei computer e la dieta a base di fast food sono le ragioni più importanti di questa situazione. Sebbene l'asma sia innescata da molti fattori negli individui allergici; Il problema del reflusso sottostante aumenta le crisi e provoca tosse prolungata. Gli esperti sottolineano che se c'è reflusso in un paziente con asma, è difficile controllare i disturbi dell'asma e che il trattamento del reflusso è assolutamente necessario. Specialista del dipartimento delle malattie toraciche dell'ospedale Memorial Şişli. Dott. Füsun Soysal ha fornito informazioni su come la malattia da reflusso influisce sugli attacchi di asma.

Fare clic per informazioni dettagliate sul reflusso!

Tieni in considerazione la tosse che non scompare

Frequenza di reflusso nei pazienti asmatici; È compreso tra il 35% e il 90%. Gli asmatici hanno reclami da reflusso a un tasso medio dell'82%. Il reflusso provoca anche tosse persistente. I pazienti con reflusso costituiscono dal 10% al 40% dei pazienti che tossiscono cronicamente.

Il reflusso può essere silenzioso e non può causare alcun reclamo al paziente. In questo caso, deve essere presa in considerazione la tosse persistente e la presenza di reflusso deve essere studiata nel paziente asmatico.

Il reflusso è il reflusso dell'acido gastrico nell'esofago dovuto alla rottura del meccanismo valvolare che impedisce il passaggio del contenuto dello stomaco nell'esofago all'estremità inferiore dell'esofago. Quando l'acido gastrico sale, può causare contrazioni bronchiali, attacchi d'asma e tosse cronica, soprattutto di notte, nelle persone con asma allergico.

Se hai il reflusso, puoi avere un attacco d'asma!

Tosse, mancanza di respiro, contrazioni bronchiali che si risvegliano dal sonno durante la notte sono i sintomi più importanti osservati nei pazienti asmatici allergici. In questi pazienti, se non vi è alcun miglioramento nei disturbi nonostante il trattamento per l'asma, se la tosse del paziente persiste in modo persistente, se la mancanza di respiro persiste quando va a letto la sera, deve essere considerato un problema di reflusso sottostante. Perché anche se viene applicato il trattamento dell'asma allergico, se il paziente ha un problema di reflusso non trattato, l'acido dello stomaco che fuoriesce nell'esofago stimolerà costantemente i bronchi e l'attacco di asma allergico diventerà incontrollabile a seguito di questo avvertimento.

In caso di asma resistente al trattamento, dovrebbe essere considerata la possibilità di reflusso e, se necessario, dovrebbe essere determinato se esiste un problema di reflusso con un'endoscopia.

I pazienti con asma dovrebbero prestare attenzione al reflusso silenzioso!

Il reflusso a volte non causa alcun reclamo al paziente. Il paziente non ha problemi, ma gli attacchi di asma potrebbero non essere controllati a causa del reflusso silente. In questo caso, la scoperta più importante è la tosse. In caso di tosse prolungata (più di 1 mese), deve essere valutata la possibilità di un reflusso sottostante. Dopo il trattamento del reflusso, è possibile controllare gli attacchi di asma.

L'82% degli asmatici ha problemi di reflusso!

Asma e reflusso sono due malattie che si trovano in un circolo vizioso. Il reflusso può essere innescato da abitudini alimentari stagionali e quando si verifica, provoca attacchi di asma allergici in soggetti allergici. Soprattutto nei mesi primaverili, i disturbi da reflusso aumentano a causa dell'aumento del consumo di frutta e verdura cruda e il reflusso innesca attacchi di asma nel paziente. I disturbi allergici, che aumentano con l'effetto del polline soprattutto in primavera, possono diventare incontrollabili a causa del problema del reflusso. La frequenza dei problemi di reflusso negli asmatici; È compreso tra il 35% e il 90%. Il reflusso è stato rilevato nell'82% dei pazienti asmatici medi.

Dal 10% al 40% dei pazienti con tosse cronica sono pazienti con reflusso.

Gli asmatici affrontano la minaccia delle allergie fredde!

Alcuni pazienti possono avere attacchi di asma allergici con il raffreddamento del tempo, anche se non hanno mai avuto disturbi allergici in qualsiasi momento. I pazienti affetti da freddo possono sbarazzarsi di questi disturbi quando il clima si fa più caldo. Questa condizione è "allergia al freddo". Il freddo provoca la contrazione dei bronchi e gli attacchi d'asma. Per questo motivo, il naso e la bocca dovrebbero essere protetti dal freddo e si dovrebbe impedire che l'aria fredda entri in bocca, soprattutto con una sciarpa o uno scialle. Quando l'aria fredda entra direttamente dalla bocca, scende direttamente nei bronchi e provoca contrazioni. Poiché il freddo rompe anche la resistenza delle vie respiratorie, prepara il terreno alle infezioni. Quando il tempo inizia a raffreddarsi, entrambi gli attacchi di asma sono scatenati da persone allergiche e la loro tendenza alle infezioni aumenta.

Quelli con asma allergico dovrebbero bere 3 litri di acqua calda al giorno.

Gli individui allergici dovrebbero prestare attenzione all'assunzione giornaliera di liquidi. Hanno bisogno di bere 2,5-3 litri di acqua al giorno. Tuttavia l'acqua non deve mai essere fredda, va consumata a temperatura ambiente o tiepida. In questo modo si eviterà sia l'essiccazione dei bronchi che la sua contrazione poiché l'acqua non creerà un effetto freddo.

È anche molto importante per i pazienti asmatici proteggersi dai cambiamenti climatici. Dopo aver lasciato un ambiente molto caldo ed essere entrati direttamente in un ambiente freddo, i bronchi si contraggono più rapidamente. Per questo motivo, la bocca e il naso devono essere protetti quando si esce dall'ambiente caldo verso quello freddo. Poiché i dipendenti delle piazze devono affrontare questo rischio, coloro che lavorano in ambienti con impianto di riscaldamento centralizzato dovrebbero prestare particolare attenzione.