Il processo di recupero del paziente che fuma si prolunga

Responsabile del Dipartimento di Cardiochirurgia presso il Memorial Hospital Prof. Dott. Bingür Sönmez ha affermato che il fumo apre la strada alla malattia coronarica e che i pazienti fumatori soffrono di gravi infezioni polmonari postoperatorie.

Sottolineando che non possono essere puniti dai pazienti fumatori, come non operanti, il Prof. Dott. Bingür Sönmez ha detto: ‚ÄúSiamo molto preoccupati per gli interventi chirurgici a cuore aperto dei pazienti fumatori. "I processi di recupero postoperatorio sono molto lunghi, soprattutto per le pazienti che fumano", ha detto.

Hai la possibilità di non operare un paziente che fuma?

Il fumo è uno dei più importanti fattori di accelerazione nelle malattie coronariche. Inoltre, è un'abitudine che causa gravi complicazioni dopo l'intervento chirurgico perché colpisce direttamente il polmone. Non abbiamo la possibilità di dire "Non opero sui fumatori". Perché non siamo un'istituzione che giudica e punisce. Dobbiamo operare su ogni paziente. Tuttavia, siamo davvero preoccupati e molto tristi per gli interventi chirurgici a cuore aperto di pazienti fumatori. Perché applichiamo un programma da 1 a 3 settimane per preparare questi pazienti all'intervento. Stiamo somministrando farmaci che aiutano la produzione di espettorato ed espandere i bronchi. Cerchiamo di assicurarci che non fumino.

Se non operiamo il paziente che fuma, morirà di infarto!

Operare su un paziente che fuma; C'è chi pensa che lo stato stia facendo sprecare denaro, mettendo a dura prova il sistema e violando i diritti di altre persone. Come medico, non abbiamo il diritto di commentare in questo modo. Sì, abbiamo molta paura di operare su pazienti fumatori, ma informiamo la famiglia o il paziente delle complicazioni che possono verificarsi dopo l'intervento. Se lo accettano, faremo sicuramente l'intervento. Tra questi pazienti ci sono anche pazienti dipendenti che non possono smettere di fumare e anche quelli che sono stati operati dal fumo la mattina dell'intervento. Se diciamo a questo paziente: "Stai fumando, non ti opero", è molto probabile che perderemo questo paziente con una complicazione al cuore. Il paziente può morire per un attacco di cuore.

Che tipo di problemi hanno i pazienti che fumano dopo l'intervento chirurgico?

I pazienti che fumano sperimentano più complicazioni polmonari rispetto ai non fumatori. Considerando le moderne strutture di cardiochirurgia odierne, non abbiamo alcun problema diretto al cuore, se è stata eseguita una buona operazione sia sul tavolo operatorio che in terapia intensiva. I nostri problemi sono sempre problemi di organi non cardiaci e il più importante di questi sono i polmoni.

Un paziente che fuma uno o due pacchetti di sigarette al giorno aumenta di 3 volte la durata della permanenza nel reparto di terapia intensiva dopo l'intervento rispetto a un paziente che non fuma mai. Un paziente non fumatore rimane in terapia intensiva per una notte e un paziente fumatore da 1 a 3 giorni. Poiché queste persone hanno un rischio molto elevato di sviluppare infezioni polmonari, i pazienti possono rimanere in terapia intensiva per settimane. Inoltre, poiché i pazienti che fumano tossiscono molto, la guarigione delle ferite al torace e dello sterno è seriamente problematica.

Non tolleriamo il fumo!

Non tolleriamo che i nostri pazienti ricominciano a fumare dopo l'intervento chirurgico. Secondo uno studio che abbiamo condotto in passato su 1500 pazienti, il 45% dei pazienti che abbiamo operato continuando a fumare riprende a fumare entro tre mesi. Questi pazienti non fumano con paura dopo l'intervento, ma la prima sigaretta fumata nei primi tre mesi significa che il resto verrà.

Il quadro è peggiore per le donne!

Il danno causato dal fumo alle donne è molto più di quello degli uomini. Perché il fumo scompone l'ormone estrogeno. Questo porta a una menopausa precoce e malattie cardiache più gravi. Le donne sono più difficili da smettere degli uomini. Una paziente che fuma migliora più tardi di un paziente maschio che fuma. I problemi postoperatori sono 2-2,5 volte più degli uomini. Problema della ferita, la guarigione delle ossa è tardiva, i problemi polmonari sono troppi Poiché le vene delle donne sono più sottili e le vene delle gambe sono varicose, sorgono molti più problemi a causa del fumo.