Diagnosi della malattia di pietra e metodi di trattamento

Gli esperti del Memorial Hospital Urology Clinic Stone Diseases Diagnosis and Treatment Center hanno fornito informazioni sulla malattia della pietra del sistema urinario e sui metodi di trattamento.

Come si formano le pietre nei reni?

La formazione di calcoli nel rene avviene con la combinazione di molti fattori. La quantità di urina che si forma ed escreta nei reni è molto importante, con l'effetto di una serie di fattori, aumenta l'escrezione di alcune sostanze chimiche attraverso l'urina e queste sostanze possono facilmente collassare nelle urine, che può diminuire a seconda della quantità di liquido prelevato, provocando la formazione di piccoli cristalli. Dopo che questi cristalli si sono formati, si combinano rapidamente per formare calcoli renali.

Chi è a rischio?

I calcoli renali sono 2-3 volte più comuni negli uomini che nelle donne. Nei climi caldi (soprattutto nelle regioni meridionali e sud-orientali del nostro Paese), si verifica più frequentemente in estate a causa della sudorazione e dell'insufficiente apporto di liquidi. Allo stesso tempo, può essere efficace anche una significativa riduzione dell'assunzione di liquidi durante i mesi di Ramadan. D'altra parte, l'importanza degli alimenti consumati negli ultimi anni è in aumento, ed è noto che alcuni cibi e bevande provocano la formazione di calcoli. Il fattore più importante per prevenire la formazione di calcoli è la quantità di liquido prelevato. Se le persone che sono inclini alla formazione di calcoli non bevono abbastanza acqua (almeno 2-2,5 litri al giorno), la quantità di urina diminuirà, l'urina diventerà più intensa e nuove pietre si formeranno con il collasso della pietra- formazione di sostanze nelle urine. Oltre a tutto ciò, anche le persone con una storia familiare di malattia della pietra sono a rischio di malattia della pietra.

Quali sono i sintomi della malattia della pietra?

Il dolore alla cavità laterale sul lato della pietra è il sintomo più importante. Il dolore può essere grave, lancinante e talvolta dolori laterali di lunga durata e sopportabili. Soprattutto le pietre che escono dal rene ed entrano nel canale urinario (uretere) causano un dolore molto più grave. La gravità del dolore può aumentare o diminuire di volta in volta. Inoltre, nelle urine si possono vedere sanguinamento, bruciore, nausea e vomito.

Quali sono la diagnosi e i metodi di trattamento?

Il metodo di esame più comune è l'ecografia. Si tratta di un'applicazione semplice e pratica che non crea difficoltà applicative ai pazienti. La diagnosi può essere effettuata anche con metodi radiologici come pellicola renale in bianco o medicata (IVP), spirale e tomografia computerizzata. Il piano di trattamento varia a seconda della posizione delle pietre, del numero e del diametro delle pietre.

Un metodo di trattamento moderno: Stone breaking (ESWL)

È un metodo di trattamento moderno, pratico e indolore basato sulla rottura delle pietre concentrando le onde d'urto (pressione) create all'esterno del corpo sulle pietre nel rene. Con questo metodo, le pietre possono essere lanciate fuori dal corpo dopo che sono state rotte in piccoli pezzi. Non è efficace nel trattamento di tutte le pietre; Pietre di grandi dimensioni, obesità, disturbi emorragici, infezioni delle vie urinarie e ostruzioni delle vie urinarie sono fattori che rappresentano un ostacolo a questo metodo.

Soluzione non chirurgica alla malattia della pietra

Quasi tutti i calcoli bloccati nell'uretere (canale urinario) situato tra il rene e la vescica possono essere trattati con l'ureteroscopia. Questo metodo viene eseguito endoscopicamente (chiuso, senza incisione sul corpo) senza chirurgia aperta. Durante la procedura si accede al calcolo entrando nel canale urinario con uno speciale dispositivo illuminato, i calcoli grandi vengono scomposti ed estratti direttamente e il canale urinario viene pulito da tutti i calcoli. Il recupero del paziente e il ritorno alle attività quotidiane è molto veloce e il paziente può essere rimandato a casa lo stesso giorno.

Chirurgia percutanea della pietra

Grazie agli sviluppi tecnologici e agli approcci moderni, oggi il 99% dei calcoli renali può essere trattato con metodi chirurgici chiusi. La chirurgia percutanea della pietra viene applicata alla maggior parte delle pietre che non possono essere trattate con il metodo della rottura della pietra o che sono troppo grandi per essere versate anche se sono rotte. Le pietre vengono raggiunte entrando nel rene endoscopicamente con un'incisione di 1 cm praticata sulla pelle e queste pietre vengono rotte e portate all'esterno. Dopo la procedura, i pazienti possono alzarsi presto, riprendersi in brevissimo tempo e tornare alle loro attività per la mancanza di ferite chirurgiche importanti.

Puoi parlarci brevemente dell'applicazione di chirurgia aperta?

Al giorno d'oggi, il tasso di interventi chirurgici aperti è sceso all'1-2% a causa sia degli sviluppi tecnologici che dei comuni interventi endoscopici (chiusi) e della capacità di rilevare e trattare i calcoli quando sono più piccoli. Questo metodo può essere scelto quando ci sono pietre grandi e complesse che riempiono quasi tutti gli spazi dei reni e stenosi nella parte inferiore delle pietre che impediranno loro di cadere dopo il trattamento.

Come si può prevenire la recidiva dei calcoli?

La "malattia dei calcoli renali e delle vie urinarie" può ripresentarsi anche se è stata trattata. Pertanto, i pazienti con calcoli urinari devono essere seguiti da vicino con ulteriori esami dopo il trattamento. Al giorno d'oggi, prevenire la formazione di nuove pietre è di grande importanza così come rimuovere con successo le pietre dal corpo. La misura primaria più efficace e necessaria per prevenire la crescita o il ripetersi di calcoli nei reni e nelle vie urinarie è bere almeno 2,5 litri di acqua al giorno. In questo modo, i fattori di rischio che possono formare calcoli con l'urina, la cui densità sarà ridotta, verranno rimossi molto più facilmente e queste sostanze non avranno la possibilità di unirsi e collassare. È noto che alcuni cibi e bevande aumentano il rischio di formazione di calcoli a causa di alcuni fattori di rischio inclusi nei loro ingredienti. Questo problema ha acquisito maggiore importanza negli ultimi 10 anni, ed è una misura preventiva sempre più importante per valutare le abitudini nutrizionali dei pazienti da parte di un dietologo esperto e per supportare gli alimenti quotidiani con cibi appropriati. Inoltre, il mantenimento di un peso adeguato ed esercizi fisici adeguati sono tra le misure efficaci per evitare i fattori di rischio identificati. Infine, la valutazione dettagliata degli individui affetti da malattia di pietra, in particolare pazienti con malattia di pietra di uno o più membri della famiglia, e determinare la potenziale predisposizione a questa malattia e il rischio di nuova formazione di calcoli che possono verificarsi in futuro, è un argomento si concentra e studia intensamente, ed è un problema che deve essere affrontato nella malattia della pietra frequentemente ricorrente. Non va dimenticato che la malattia della pietra è un problema che richiede una diagnosi precoce, metodi e trattamenti efficaci e meno dannosi e un follow-up molto ravvicinato. Solo in questo modo è possibile prevenire nuove pietre che potrebbero verificarsi in futuro. La malattia della pietra, che in precedenza si pensava fosse scomparsa con una chirurgia a cielo aperto e che possa causare problemi strutturali e funzionali irreversibili dovuti a ripetizioni frequenti e problemi strutturali e funzionali irreversibili, dovrebbe essere affrontata da un centro esperto in questo campo, efficace con l'approccio di più di una disciplina, che arreca poco danno al paziente, è diventato un problema per il quale è assolutamente necessaria un'indagine dettagliata oltre al trattamento.

Cosa dovrebbero fare i pazienti di pietra?

  • Bere abbastanza liquidi ogni giorno (2-2,5 litri, 10-12 bicchieri)
  • Disposizione del cibo in caso di malattia dei calcoli frequentemente ricorrente
  • Passeggiate ed esercizi regolari
  • Fornire uno stile di vita senza stress
  • Ripetizione dell'analisi delle urine e dell'esame ecografico ogni 6 mesi
  • Esame di campioni di sangue e urina e inizio del trattamento necessario per chiarire le cause della formazione di calcoli nel corpo
  • Prendere le precauzioni necessarie prima che le pietre esistenti crescano e pulire le pietre con metodi appropriati
  • Raccogliere le pietre cadute per l'analisi e rivolgersi a centri esperti che si occupano di questo problema per l'esame.
  • Gli individui con una malattia dei calcoli comune nella loro famiglia e che incontrano frequentemente la formazione di calcoli dovrebbero sottoporsi a esami genetici in centri esperti.

I vantaggi di questi centri:

  • I pazienti possono sbarazzarsi delle loro pietre esistenti in breve tempo applicando diversi metodi (Rottura dei calcoli, uretroscopia, trattamento percutaneo dei calcoli) e tornare alle loro attività quotidiane in un tempo molto breve.
  • Ancora più importante, tutti i pazienti possono essere valutati in dettaglio in termini di fattori di rischio di formazione di calcoli. I fattori di rischio presenti nel sangue e nelle urine possono essere completamente identificati e il trattamento preventivo può essere avviato in tempo.
  • Il rischio di formazione di calcoli può essere notevolmente ridotto considerando il contenuto alimentare dei pazienti e le normative necessarie.

Qual è il ruolo della dieta nella formazione dei calcoli renali?

Tra i fattori che portano alla formazione di calcoli nei reni e nelle vie urinarie, uno dei fattori importanti che è stato enfatizzato negli ultimi anni è il contenuto degli alimenti e delle bevande consumate. In studi clinici e sperimentali, è stato dimostrato che alcuni cibi e bevande provocano la formazione di calcoli e accelerano questo meccanismo a causa delle sostanze formanti la pietra che sono intensamente contenute in essi. Alcuni dei mattoni che formano la pietra che escono a seguito dell'assunzione di questi alimenti e della loro digestione nell'intestino vengono assorbiti dall'intestino e innesca la formazione di calcoli durante la loro escrezione attraverso le vie urinarie. Allo stesso tempo, il fattore più importante che facilita l'escrezione di questi fattori di rischio con l'urina e previene la formazione di calcoli unendosi è sufficiente il consumo di acqua, e oltre a questa dieta, un minor consumo di liquidi aumenta ancora di più la formazione di calcoli. A seguito degli esami, è stato dimostrato che alcuni alimenti, in particolare alcuni dei seguenti nutrienti, aumentano il rischio di formazione di calcoli. Tra questi alimenti si contano quantità eccessive di proteine ​​(carne rossa, latte e latticini), spinaci, sale, zucchero e prodotti da forno, prodotti di frattaglie, cioccolato, tè scuro, caffè, cola, birra e soda. A questo proposito, la determinazione del peso di questi alimenti e di alcuni altri cibi rischiosi nel consumo quotidiano e la regolazione delle abitudini alimentari degli individui, se necessario, è diventata di grande importanza. Il ruolo dei dietisti ha acquisito importanza nei centri che si occupano intensamente della malattia dei calcoli. Oggi, nel follow-up della malattia dei calcoli e nella prevenzione della formazione di nuovi calcoli, si possono ottenere risultati di grande successo valutando ogni paziente in dettaglio da un dietista specializzato e adottando le necessarie abitudini nutrizionali.

Qual è il ruolo dei fattori genetici e degli esami genetici nella formazione della malattia dei calcoli?

Nel trattamento della malattia dei calcoli, rimuovere i calcoli esistenti dal corpo con metodi diversi e liberare i pazienti dai calcoli sono solo una parte del trattamento. Oggigiorno, l'obiettivo principale è prendere le precauzioni necessarie per ridurre al minimo il rischio di recidiva dei calcoli e prevedere quali pazienti saranno in grado di formare nuovamente calcoli. A questo punto, con alcune ricerche genetiche, sarà possibile determinare quali pazienti sono suscettibili a questa malattia alla luce dei dati disponibili. In particolare, è di grande importanza che i bambini con malattia di pietra in molti membri della loro famiglia siano esaminati in dettaglio a questo riguardo. Alcuni fattori genetici possono essere esaminati nei pazienti valutando insieme esperti genetici e urologi e raggruppando i dati ottenuti dai pazienti e, alla luce della positività di questi fattori, i pazienti possono essere inclusi in programmi di trattamento che possono limitare la formazione di calcoli in il futuro. In sintesi, sarà possibile ridurre al minimo il verificarsi della malattia della pietra in futuro con una valutazione dietetica dettagliata e uno screening genetico, e ciò è possibile nei centri in cui sono coinvolti esperti esperti.