Il tumore al cervello può essere preso mentre il paziente sta parlando

Le operazioni legate al cervello, centro di controllo del nostro corpo, richiedono grande cura e precisione. Anche i più piccoli errori commessi in queste operazioni; Può causare la perdita di funzioni di base come il movimento e la parola e causare risultati permanenti. Nelle operazioni di craniotomia da sveglio, note come chirurgia cerebrale da sveglia, le funzioni di base dei pazienti possono essere preservate, così come le loro capacità. Gli specialisti del dipartimento di chirurgia cerebrale, nervosa e del midollo spinale degli ospedali Memorial Şişli e Ataşehir hanno fornito informazioni sugli interventi di craniotomia in stato di veglia, utilizzati in particolare nella chirurgia dei tumori cerebrali.

L'anestesia generale non viene applicata

Durante l'esecuzione di una procedura chirurgica su un corpo vivente in condizioni normali, viene prestata attenzione per garantire che sia indolore e di alta qualità. L'anestesia generale viene utilizzata nella maggior parte degli interventi chirurgici sui tumori cerebrali perché è difficile operare su un cervello doloroso. In alcuni interventi chirurgici sui tumori cerebrali che richiedono che il paziente sia sveglio, gli interventi di craniotomia da sveglio vengono eseguiti in alternativa all'anestesia generale. Con gli speciali farmaci anestetici somministrati al paziente, si ottiene un livello di veglia regolabile in profondità.

Il paziente può persino suonare uno strumento

Nelle operazioni di craniotomia, la regione in cui si trova il tumore al cervello è importante. Gli interventi chirurgici di tumore nell'area in cui si trova il centro del linguaggio, che fornisce movimenti di braccia, gambe o occhi, possono rappresentare un rischio in termini di perdita della funzione. Sebbene la vita del paziente venga salvata rimuovendo il tumore nel cervello, è necessario essere svegli in tali interventi chirurgici per evitare la perdita di funzione. Mentre raggiunge le aree microscopiche del cervello utilizzando l'alta tecnologia con il metodo della microchirurgia, il paziente aiuta l'équipe chirurgica parlando, muovendo mani e piedi e persino suonando uno strumento se ne ha la capacità. Quando il tumore viene rimosso, il chirurgo può cambiare il modo di raggiungere il tumore in caso di problemi con la parola, i movimenti delle mani e dei piedi del paziente. Se non ci sono problemi in queste funzioni durante la procedura chirurgica, di solito non c'è il rischio che si verifichi un problema dopo l'intervento.

Viene risvegliato in modo controllato nel momento più critico

Poiché l'anestesia è di grande importanza negli interventi chirurgici al cervello sveglio, gli anestesisti che lavorano in questi ambulatori dovrebbero ricevere una formazione speciale. Grazie alla tecnologia avanzata, il tempo per svegliare il paziente può essere limitato. Si assicura che il paziente venga svegliato solo nel momento più critico dell'operazione e aiuta il chirurgo. Dopo che il tumore è stato rimosso senza perdita di funzionalità, il paziente viene rimesso a dormire e l'intervento è completato. Questo processo correlato all'operazione viene spiegato in dettaglio al paziente in anticipo e, se necessario, viene fornito supporto psicologico in modo che il paziente non provi panico al momento del risveglio.

È importante che il paziente sia adatto a questa procedura.

Sebbene la chirurgia cerebrale da sveglio sia di grande importanza in alcuni casi, non è raccomandata per i pazienti le cui condizioni psicologiche non sono adatte. La persona a cui verranno applicati questi interventi chirurgici deve essere adatta alla psicoterapia e alla suggestione. Solo il 10% degli interventi chirurgici sul tumore al cervello viene eseguito da sveglio. La posizione del tumore nella zona motoria è uno dei fattori più importanti nell'esecuzione di interventi chirurgici al cervello da svegli.