Il trapianto di cellule staminali svolge un ruolo importante nella lotta alla leucemia

I tumori del sangue, cioè le leucemie, che riducono la qualità della vita e causano perdite vitali, possono essere controllati mediante trapianto di cellule staminali utilizzando tecnologie emergenti. Attira l'attenzione con i vantaggi del trapianto di cellule staminali che i pazienti possono continuare il loro lavoro e la loro vita sociale in breve tempo dopo la procedura. Prof. Dott. Türker Çetin e il Prof. Dott. Ferit Avcu ha fornito informazioni sul trapianto di cellule staminali nel trattamento dei tumori del sangue.

Se la malattia progredisce rapidamente, può causare perdite vitali in poche settimane.

Le leucemie sono malattie maligne che colpiscono il midollo osseo e il sistema linfatico, che sono il sistema di produzione del sangue del corpo, e mostrano un decorso progressivo se non trattate. Leucemia; Se si verifica a causa di un aumento incontrollato dei globuli bianchi maturi, è cronico e lento. Quelli che si sviluppano a causa dell'aumento incontrollato dei globuli bianchi immaturi sono definiti come acuti, cioè rapidi. I tumori del sangue con un decorso rapido spesso mostrano un'insorgenza improvvisa e danno segni e sintomi clinici, specialmente entro 1-2 mesi. Pertanto, una diagnosi dovrebbe essere fatta in breve tempo e il trattamento dovrebbe essere iniziato il prima possibile.

Attenzione per sanguinamento inaspettato e frequenti lividi sulla pelle!

Alcuni sintomi comuni si riscontrano nei tumori del sangue veloci e lenti. A seconda dell'anemia; Si verificano reclami come pallore, debolezza, affaticamento, mancanza di respiro durante lo sforzo. Inoltre, a causa dell'indebolimento del sistema immunitario, nei pazienti si sviluppano infezioni frequenti e spesso prolungate nonostante il trattamento antibiotico. Oltre a questi; Si possono osservare sanguinamento inaspettato sotto il naso, gengive e pelle, frequenti lividi sulla pelle e un'eruzione cutanea rossa a forma di capocchia di spillo che non si attenua con la pressione. Altri sintomi di tumori del sangue; Perdita di appetito, perdita di peso, febbre senza infezione, dolori articolari, gonfiore delle gengive e dolore alle ossa.

La ricorrenza di tumori ematici acuti è dovuta a un attento follow-up dopo il trattamento.

Il primo passo nel trattamento dei tumori del sangue acuti è il trattamento farmacologico (chemioterapia). Il trattamento viene applicato in due o tre fasi a seconda del tipo di malattia. Nella prima fase, ha lo scopo di ridurre il numero di cellule tumorali, aumentare il numero di cellule normali ed eliminare i sintomi della malattia. Questa fase è molto importante e la malattia può essere controllata in una fase iniziale grazie alla buona esecuzione del trattamento. Tuttavia, anche se questa fase viene completata con successo, le cellule tumorali possono ricominciare a moltiplicarsi nella maggior parte dei pazienti e la malattia si ripresenta. Dopo aver ottenuto il controllo, vengono applicati i trattamenti chiamati rinforzo per prevenire il ripetersi della malattia. La terapia di rinforzo viene eseguita anche con farmaci chemioterapici o trapianto di cellule staminali. Inoltre, nel trattamento di pazienti con leucemia linfoblastica acuta (LLA), esiste un periodo di trattamento di mantenimento che può richiedere 2-3 anni per prevenire le recidive. In queste fasi, i pazienti devono essere seguiti da vicino. Il follow-up del paziente dovrebbe essere effettuato da un team specializzato in cliniche attrezzate e stanze sterili il più possibile.

Il trapianto di cellule staminali è il trattamento più efficace per i tumori del sangue

Le leucemie mieloidi croniche possono essere ampiamente trattate dal 2000. Poiché il meccanismo che causa la malattia è ben noto, nel trattamento vengono utilizzati farmaci che interrompono il meccanismo. Questa si chiama terapia mirata. Le cellule di origine mieloide proliferano costantemente nel midollo osseo ed escono nel sangue circolante con o senza maturazione. I farmaci che prevengono ciò forniscono il controllo della malattia nella maggior parte dei pazienti. Tuttavia, ulteriori cambiamenti genetici che si verificano in alcuni pazienti possono ridurre o eliminare questo controllo. In questi pazienti che non possono essere controllati con farmaci, il metodo di trattamento più efficace è il "trapianto allogenico di cellule staminali". Questo trapianto viene eseguito con cellule staminali prelevate da un fratello, un parente stretto o donatore volontario non parente compatibile con i tessuti. Per le leucemie linfocitiche croniche (LLC), un altro dei tumori del sangue a lenta progressione, vengono somministrati solo trattamenti di supporto nelle fasi iniziali. Farmaci o anticorpi mirati (immunoterapia) possono essere applicati in fasi avanzate o in pazienti ad alto rischio. Sebbene la leucemia linfocitica cronica sia una malattia dell'età avanzata, può essere vista prima dei 50 anni. In questi pazienti ad alto rischio, il trapianto di cellule staminali allogeniche è una delle opzioni di trattamento.

Cos'è un trapianto di cellule staminali?

Se il rischio di recidiva della malattia è elevato in coloro la cui malattia è controllata nel primo periodo con terapia farmacologica, deve essere assicurata la continuità della risposta precoce ottenuta. In questo caso, una delle opzioni è il trapianto di cellule staminali. Trapianto di cellule staminali; Viene eseguita con cellule staminali (allogeniche) prelevate dal fratello individuo (autologo) o compatibile con tessuti, altri parenti stretti o donatori volontari non parenti. Per il trapianto, le cellule staminali vengono raccolte dall'osso iliaco applicando l'anestesia al donatore o estraendo dalla vena con dispositivi speciali dopo aver utilizzato farmaci stimolanti le cellule staminali. Prima del trapianto di cellule staminali, al paziente viene applicato un trattamento farmacologico e / o radioterapico ad alte dosi (radioterapia). Lo scopo di questa fase è distruggere le cellule tumorali che possono rimanere nel corpo del paziente e drenare le cellule nel midollo osseo del paziente. Successivamente, viene eseguito il trapianto. Il "trapianto autologo" può essere eseguito in pazienti che non riescono a trovare donatori di cellule staminali idonei, ma il principale trattamento efficace è il trapianto di cellule staminali allogeniche. Dopo il trapianto, i pazienti potrebbero dover essere seguiti per molti anni al fine di evitare gravi problemi.

Chi non riesce a trovare un donatore adatto per il trapianto non è disperato

Negli ultimi anni, a causa degli sviluppi tecnologici nel campo della medicina, il trapianto di cellule staminali, chiamato "aploidentico", può essere eseguito da parenti parzialmente idonei (50-80% compatibili) per pazienti che non riescono a trovare donatori di cellule staminali pienamente idonei e hanno un alto rischio di recidiva. Con il trapianto aploidentico, il controllo della malattia e la vita possono essere raggiunti per più di un anno in circa la metà dei pazienti, a seconda del rischio della malattia. Tuttavia, quando il sistema immunitario dei pazienti in questo gruppo viene soppresso a causa dell'incompatibilità dei tessuti, dovrebbero essere seguiti attentamente in centri completamente attrezzati ed esperti.

Occorre prestare attenzione alla selezione appropriata dei casi nel trapianto di cellule staminali.

Il trapianto di cellule staminali dovrebbe essere eseguito principalmente in pazienti giovani, a medio e alto rischio senza problemi di salute aggiuntivi. Alcuni pazienti rispondono più tardi al trattamento o ricadono più rapidamente. Il rischio di recidiva della malattia in tali pazienti può essere determinato dalla presenza di alcuni cambiamenti genetici. Come risultato dell'esame dei cambiamenti genetici, il trapianto allogenico deve essere eseguito nei pazienti nel gruppo chiamato ad alto rischio (se sono giovani e non hanno malattie aggiuntive). In pazienti con basso rischio di recidiva; Il trapianto di cellule staminali non è raccomandato nella prima fase a causa dell'elevato numero di effetti collaterali e talvolta di effetti collaterali pericolosi per la vita. Tuttavia, se la malattia si ripresenta, viene applicato il trapianto di cellule staminali. Nei tumori del sangue che non rispondono con il trattamento iniziale, il trapianto allogenico può essere applicato come opzione di trattamento.