La sensibilità dei denti aumenta in estate

"Non posso mangiare frutta fredda, i miei denti sono splendenti ..."

"Mi fanno male i denti non appena inizio a mangiare il gelato"

"Non posso consumare una bevanda fredda con un pasto caldo."

Questi reclami possono significare che hai sensibilità nei tuoi denti. Dott. Dt. Ezel Yıldız Elmas ha fornito informazioni sulla sensibilità al caldo e al freddo nei denti e su cosa fare.

Con l'arrivo dell'estate aumenta la frequenza di consumo degli alimenti che fanno la differenza tra caldo e freddo. In inverno, non possiamo sfuggire alla sensibilità dei denti, su cui potremmo non essere in grado di focalizzare la nostra attenzione, con l'aumento del consumo di bevande fredde e cibo in estate, e quindi la sensibilità dei denti determina il suo posto nella nostra agenda.

I reclami sono abbastanza evidenti, ma il dentista deve raccogliere informazioni cliniche più dettagliate dal paziente. Quando il paziente si lamenta della sensibilità, il primo passo è ascoltare l'intera storia del paziente. Informazioni richieste prescritte:

  • La forma e la natura del mal di denti (acuto, smussato, sorprendente)
  • Localizzazione della sensibilità (di solito possono verificarsi disturbi simili in gruppi di denti simili)
  • La superficie dove inizia la sensibilità dei denti
  • Descrivere la gravità del dolore (su una scala da 1 a 10, 1 = lieve, 10 = insopportabile)
  • Ci sono cibi o bevande che innescano la sensibilità?

La sensibilità dei denti può essere confusa con il mal di denti

Molti fattori diversi possono svolgere un ruolo nell'emergere della sensibilità dei denti. Vari problemi alla bocca, carie, recessioni gengivali, fratture e crepe dei denti e talvolta delle radici, cattive abitudini di spazzolamento dei denti, errori nelle abitudini alimentari possono indurre il paziente a definire il dolore risultante come sensibilità del dente.

Le principali cause della sensibilità dei denti

  • Vecchi denti otturati: dolore che si manifesta al contatto dei denti con i denti opposti quando la bocca è chiusa quando i denti sono stati applicati il ​​trattamento canalare e successivamente hanno una fistola o hanno perso completamente o metà la loro vitalità.
  • Denti rotti e incrinati: dolore al contatto verticale e orizzontale dei denti con denti rotti o incrinati quando la bocca è chiusa.
  • Carie dentale: il più alto grado di percezione della sensibilità si osserva quando il tessuto cariato attraversa il bordo smalto-dentina quando lo smalto dei denti è completamente distrutto. La sensibilità continua sempre più fino a quando la carie progredisce nel tessuto vivente del dente.
  • Recessione gengivale: nelle persone con malattie gengivali croniche, dopo interventi chirurgici alle gengive o con l'età, a seguito di colpi subiti nella zona della bocca, affollamento nei denti o anomalie in altri tessuti molli e il dolore causato dall'esposizione della superficie radicolare dei denti.
  • Abrasione dello spazzolino da denti: Le proprietà abrasive di spazzolini da denti duri o morbidi, uso eccessivo di pasta o spazzolatura scorretta, che di solito si verificano nell'area in cui coincide la mano dominante, possono entrambi causare recessione gengivale; Provoca anche dolore avvertito dall'esposizione della superficie della radice molle a causa della recessione gengivale.
  • Lesioni da abfrazione: generalmente si verificano in luoghi in cui la forma anatomica del dente è deformata, a seguito di abrasione sui denti e micro frammentazione dalla superficie. Questi tipi di lesioni, che hanno perdita di sostanza sulla superficie del dente sebbene non vi sia carie, possono mostrare un'elevata sensibilità e possono progredire nel tessuto vivente del dente.
  • Lesioni da erosione: Cola, frutta e bevande energetiche con pH basso e alto contenuto di carbonati causano la perdita di materiale privo di carie dalla superficie del dente. L'abitudine di utilizzare tali bevande farà sì che lo smalto o la dentina, che vengono ammorbiditi superficialmente con l'acido, vengano facilmente rimossi con lo spazzolamento dei denti. Mentre le malattie del sistema gastrointestinale come il reflusso e la bulimia danneggiano le superfici dei denti rivolte verso la lingua; Sulle superfici dei denti rivolte verso le guance (verso l'esterno) si osservano lesioni causate dall'eccessivo consumo di cibi acidi assunti con l'alimentazione.
  • Tipo di nutrizione: quando la superficie del dente danneggiata per qualsiasi motivo viene a contatto con il liquido acido di bevande a basso pH come pomodori, succhi di frutta, bevande a base di cola, si verificherà un'improvvisa sensibilità. La dieta può aggravare la sensibilità causata dall'erosione.
  • Sensibilità genetica: la storia dei denti sensibili è stata raccontata dai pazienti per anni. La ragione di questo tipo di sensibilità può anche essere spiegata correlando con il difetto strutturale anatomico, che è classificato nella tipologia in cui il 10% di cemento non copre il tessuto radicolare e il tessuto dello smalto, o avendo valori di soglia del dolore diversi in tutti i pazienti.
  • Sensibilità dopo l'otturazione: alcuni tipi di otturazioni in amalgama di mercurio d'argento provocano sensibilità a causa del restringimento per 24-48 ore; Insufficiente sensibilità tecnica o errata applicazione dell'acido nelle otturazioni del colore dei denti; applicazione errata della tecnica di asciugatura dei denti durante il riempimento; Influenzare il tessuto nervoso vitale del dente eseguendo applicazioni difettose mentre si rimuove la carie nel tessuto del dente; creare un repentino cambio di temperatura durante il riempimento o lasciare il ripieno più alto del normale; Le reazioni tra metalli diversi che provocano una stimolazione improvvisa in bocca o il sapore di "ruggine o alluminio" innescano la formazione di sensibilità.
  • Uso di droghe: i farmaci che causano secchezza delle fauci (come antistaminici, farmaci per la pressione sanguigna) riducono la quantità di saliva e ne compromettono l'effetto protettivo e causano traumi o placca batterica che possono verificarsi con l'alimentazione. Con la diminuzione del flusso di saliva, l'invecchiamento e l'assunzione di farmaci, il pH della saliva diminuisce a un livello che provocherà la formazione di carie dentali e lesioni da erosione.
  • Sensibilità allo sbiancamento: si verifica quando il 10% di perossido di carbammide (3% di perossido di idrogeno, 7% di urea) raggiunge il tessuto nervoso passando lo smalto e la dentina nello sbiancamento dei denti applicato ai denti senza trattamento canalare. La sensibilità assume la forma di infiammazione reversibile del tessuto nervoso dovuta al flusso di fluido nella dentina e al cambiamento di densità con il contatto del materiale con il tessuto nervoso. La sensibilità può verificarsi a seguito di tutti gli altri metodi di sbiancamento (in ufficio, luce attivata, nuovo metodo da banco!) Ed è correlata alla marca e al contenuto di sbiancamento preferiti.

Sebbene si preveda che la sensibilità si manifesti durante il processo di sbiancamento; Va notato che quando si verifica la sensibilità clinica, la causa potrebbe essere lo sbiancamento. Le sensibilità lievi non hanno posto nel protocollo di trattamento. Tuttavia, il dentista può fornire nuove istruzioni per l'applicazione informando il paziente sull'estensione del periodo di trattamento (ad esempio, la frequenza di applicazione). Quando questo metodo non è valido, alcuni medici sostengono di supportare il metodo di sbiancamento con l'applicazione di gel al fluoro sulle superfici dei denti. Altri medici consigliano di utilizzare dentifrici desensibilizzanti per 2-3 settimane prima e dopo lo sbiancamento.

Lo sviluppo dell'uso di materiali ausiliari desensibilizzanti contenenti potassio con le placche applicate alla bocca aiuta il dentista a rimuovere la sensibilità; Ha inoltre consentito ai pazienti di svolgere un ruolo più efficace nel processo di trattamento. Negli studi sullo sbiancamento, gli agenti desensibilizzanti ausiliari vengono applicati per 10-30 minuti quando necessario. (Una volta al giorno, una volta alla settimana, prima della decolorazione oa seconda del tipo di applicazione del trattamento sbiancante)

I dentifrici desensibilizzanti riducono i reclami

I dentifrici desensibilizzanti più generici, consigliati professionalmente che offrono solo facilità di applicazione ai denti sensibili sono quelli che contengono sali di potassio. I sali di potassio passano facilmente attraverso il tessuto dello smalto e della dentina dentale e raggiungono il tessuto nervoso vitale del dente in pochi minuti. Per lo più, i dentifrici desensibilizzanti a base di potassio contengono fluoro per proteggere il tessuto dentale e alcuni sono offerti al consumatore con diversi sapori, proprietà sbiancanti, controllo del tartaro e contenuto di carbonato. Negli interventi clinici, l'uso di dentifrici desensibilizzanti due volte al giorno per circa due settimane ha ridotto la sensibilità e sono stati osservati effetti ancora maggiori con l'uso regolare. Nel frattempo, il paziente deve continuare a spazzolare due volte al giorno come parte dell'applicazione di igiene orale, anche seguendo le raccomandazioni del produttore. Quando ai pazienti vengono offerti dentifrici desensibilizzanti simili al dentifricio che usano regolarmente, la percentuale di successo aumenterà.

La sensibilità dei denti ha più di una causa e trattamento.

Il dentista dovrebbe esaminare tutte le possibilità, stabilire una diagnosi accurata e un piano di trattamento e di conseguenza determinare una strategia di trattamento che evidenzi tutti i fattori che causano e inibiscono la sensibilità. I trattamenti vanno dai materiali medici applicati al dente che è stato restaurato a casa dal paziente, all'estirpazione della polpa (trattamento canalare) e alla chirurgia mucogengivale (chirurgia delle gengive).

La frequenza e il modello di sensibilità determinano la scelta tra le opzioni di trattamento. Nelle persone che non si sono sottoposte a restauro o che non hanno un problema patologico evidente, il reclamo di sensibilità cronica dei denti indica spesso imprevisti e che necessitano di essere approfonditi.

I materiali desensibilizzanti come il gel di fluoro al nitrato di potassio al 5% (dentifricio) applicato per prevenire la sensibilità dei denti durante lo sbiancamento dei denti sono altamente efficaci e aumentano il controllo del paziente sull'evento.