10 Domande frequenti sul cancro al seno

Gli esperti del Dipartimento di Chirurgia Generale del Memorial Şişli Hospital hanno risposto alle 10 domande più frequenti sul cancro al seno e hanno spiegato i metodi di trattamento della malattia.

Ogni massa notata nel seno indica il cancro?

Più del 90% delle masse palpabili nel seno non sono cancerose. Questi; Di solito sono fibrocisti che crescono all'interno del seno. Si ritiene che queste strutture palpabili siano tumori dai pazienti. I tumori benigni possono crescere e il seno stesso può diventare come una massa. Poiché la struttura interna del seno è molto densa nel periodo pre-mestruale, soprattutto coloro che eseguono il controllo del seno durante questo periodo sono preoccupati per la presenza di una massa nel loro seno.

Quando dovrebbe iniziare l'autoesame del seno?

L'autoesame del seno non deve essere eseguito prima dei 20 anni. Dopo i 20 anni, è fondamentale che ogni donna controlli il seno regolarmente su base mensile per una diagnosi precoce. Il momento ideale per eseguire un esame del seno è di 4-5 giorni dopo la fine del periodo mestruale.

Quando dovrebbe essere eseguita la prima ecografia al seno?

Coloro che non hanno un cancro al seno nella loro famiglia dovrebbero avere la loro prima ecografia dopo i 35 anni. In quelli con cancro al seno nella loro famiglia, i follow-up ecografici di routine annuali dovrebbero essere eseguiti dopo i 25-26 anni. Nei tumori genetici al seno, l'età della prima mammografia è di 26 anni. Quelle a rischio di cancro al seno familiare dovrebbero essere seguite con la mammografia dopo i 32-34 anni. Le persone che non hanno il cancro al seno nella loro famiglia e che non hanno geni del cancro al seno dovrebbero sottoporsi a mammografia ed ecografia una volta tra i 35-40 anni. Questa è chiamata "mammografia di base". Queste persone dovrebbero sottoporsi a screening mammografico di routine dopo i 40 anni.

C'è il rischio che le fibrocisti che si sviluppano nel seno si trasformino in cancro?

Le fibrocisti non si trasformano in cancro. Questi sono cambiamenti fisiologici all'interno del seno. Dopo le mestruazioni, l'estrogeno e quindi l'ormone progesterone vengono secreti dalle ovaie. L'estrogeno espande e ramifica i condotti del latte nel seno. Quindi, l'ormone del progesterone moltiplica le cellule che producono il latte. C'è un aumento di volume nel seno e si avverte una tensione nel seno. Se la donna rimane incinta e quelle strutture continuano, il latte viene secreto dopo la nascita. Se la donna non rimane incinta, il livello degli ormoni diminuisce e le strutture preparate per il bambino vengono espulse dall'utero. Le cellule che proliferano nel seno tornano al loro stato precedente. Questo evento continua ogni mese. Durante la scomparsa di queste cellule, un gruppo di cellule rimane nel seno e formano strutture fibrocistiche.

Cos'è un fibroadenoma e diventa canceroso?

Il fibroadenoma è un tumore benigno. Ha una capsula intorno e non è possibile diffondersi nell'ambiente. Il rischio di sviluppare il cancro al seno in questo è tanto quanto il rischio di sviluppare il cancro dal tessuto mammario normale. Il suo rischio aumenta dell'1-2% all'aumentare del suo diametro. Il fibroadenoma può crescere in qualche modo a causa del consumo di soia e dell'uso di pillole anticoncezionali, ma non si può dire che abbia un effetto cancerogeno.

La mammografia ha un effetto sulla formazione del cancro?

Il vantaggio della mammografia supera di gran lunga il suo danno. Per questo motivo, le radiazioni fornite dalla mammografia non dovrebbero mai essere considerate come un danno per l'organismo. Negli anni '60, è stato stabilito che il danno della mammografia in pazienti che sono stati seguiti con mammografia per 30 anni in tecnologie con tassi di radiazione molto elevati è molto al di sotto del suo beneficio. Quindi questo danno è trascurabile. Le attuali mammografie producono 10 volte meno radiazioni rispetto alle tecnologie dell'epoca. Poiché non ci sono radiazioni nella risonanza magnetica, non ci sono effetti collaterali sul paziente.

Gli interventi chirurgici di conservazione del seno vengono applicati a giovani pazienti in interventi chirurgici contro il cancro?

Dal punto di vista medico, una tale opinione è assolutamente falsa. Il seno è un oggetto importante per le donne di tutte le età. Non esiste una regola o una tale comprensione che il seno dei pazienti anziani verrà rimosso. Se appropriato, il seno di una donna di 70-80 anni può essere preservato anche osservando lo stadio, la forma, la forma e l'estensione del tumore. Ci sono pazienti a cui è stato asportato il seno all'età di 70 anni perché necessario, e che si sentono dispiaciuti per questo motivo, e che vogliono con insistenza una protesi mammaria all'età di 75 anni.

La protesi mammaria può essere applicata a tutte le età?

Negli interventi chirurgici per il cancro al seno, la chirurgia conservativa del seno è preferita se il paziente è in forma medica e non vi è alcun fattore di rischio. Se la chirurgia conservativa del seno non può essere eseguita in pazienti anziane, una protesi mammaria può essere applicata al paziente in un secondo momento su richiesta. Ai pazienti a cui è stato rimosso il seno dovrebbe essere raccomandato di rifare un nuovo seno dopo che alcuni fattori di rischio sono scomparsi dopo il secondo anno. Perché questa situazione ha anche un effetto positivo sul processo di guarigione del paziente. Rilassa psicologicamente il paziente, lo fa sentire più forte e contribuisce al processo di trattamento assicurando l'adattamento del paziente alla vita sociale.

In quali casi viene prelevato il seno?

  • Non è possibile eseguire interventi chirurgici di conservazione del seno in pazienti con tumori diffusi al seno e cancro che è iniziato contemporaneamente in molte parti del seno. In questo caso, il seno deve essere rimosso.
  • Se il paziente ha una calcificazione diffusa e cattiva nella sua mammografia, se si pensa che il cancro al seno causerà l'inizio di molti focolai, il seno di questi pazienti dovrebbe essere pianificato.
  • La mastectomia è necessaria per i pazienti che sono stati precedentemente sottoposti a radioterapia alla parete toracica, poiché è necessaria la ri-radioterapia dopo un intervento chirurgico di conservazione del seno.

In quali situazioni può essere eseguita la chirurgia conservativa del seno?

  • Prima di tutto, la paziente non dovrebbe volere che le venga rimosso il seno e dovrebbe preferire un intervento chirurgico di conservazione del seno. Questo è il diritto e la scelta più basilari del paziente. In questo caso, il medico dovrebbe prima considerare un intervento chirurgico di conservazione del seno.
  • Il cancro deve essere in un'area. Il tumore al seno non dovrebbe essere troppo grande e dovrebbe essere trovata la proporzione tra le dimensioni del seno e il cancro. Se il cancro è piccolo, è necessario rimuovere l'intero seno.
  • Le metastasi ascellari non impediscono la chirurgia conservativa del seno.