Rivoluzione nella cardiologia interventistica: fusione degli stent

Le malattie cardiovascolari, che si verificano con disturbi come dolore toracico e mancanza di respiro, possono essere trattate con stent interventistici.

Gli stent, che assomigliano alla molla sulla punta di una penna a sfera e consentono l'apertura dei vasi cardiaci occlusi, in alcuni pazienti possono sostituire la chirurgia a cuore aperto. Dopo lo stent, i pazienti guariscono in un tempo più breve e possono tornare alla vita quotidiana. Gli stent dissolventi, che sono rivoluzionari nella cardiologia interventistica, scompaiono dopo un po 'nel corpo ed emergono come un'opzione molto importante per l'apertura dei vasi ostruiti.

Gli esperti del dipartimento di cardiologia dell'ospedale Memorial Diyarbakır hanno fornito informazioni sugli stent che si dissolvono nel corpo.

Un trattamento appropriato per il paziente è importante nelle malattie cardiache

La diagnosi di malattia coronarica viene effettuata mediante angiografia coronarica e dopo aver valutato i risultati del paziente, viene eseguita la terapia farmacologica, il trattamento con stent o bypass. Tre di questi trattamenti sono metodi complementari e ogni paziente deve ricevere il trattamento appropriato. Oggi, con lo sviluppo della tecnologia degli stent e l'uso di speciali stent che si dissolvono nel corpo, i pazienti riacquistano la salute dopo un comodo periodo di recupero dopo la procedura.

Salva vite

La tecnologia degli stent è migliorata in modo significativo dal 1986, quando lo stent è stato posizionato per la prima volta nei vasi che nutrono il cuore. Nei primi anni, il tasso di ri-occlusione del vaso era di circa il 30-40% dopo l'impianto di soli stent di metallo nei vasi cardiaci occlusi, mentre questo tasso è sceso al 20-30% negli anni successivi. Gli stent rivestiti di farmaci, comunemente noti come "stent grassi", rilasciano farmaci sulla superficie dei vasi quando vengono inseriti nei vasi cardiaci. La probabilità di intasamento degli stent medicati è di circa il 10% rispetto agli stent precedenti. Tuttavia, poiché gli stent salvavita, medicati e normali con molti vantaggi sono in metallo, rimangono lì dal momento in cui vengono inseriti nei vasi cardiaci e questo rivela alcuni svantaggi:

  • Gli stent metallici non consentono di modificare il diametro del vaso cardiaco.
  • In presenza di uno stent metallico, diventa difficile interpretare alcuni test di imaging come la tomografia computerizzata.
  • Nei vasi in cui sono posizionati stent metallici, il bypass non può essere eseguito direttamente sopra lo stent.
  • Se gli stent metallici sono ostruiti, è possibile inserire solo un altro stent per lo stent.

Scompare completamente nella vena del cuore

Lo stent fondente è considerato una rivoluzione in cardiologia. Perché dopo 2 anni dal momento in cui viene inserito nei vasi cardiaci, si trasforma in acqua e zucchero e scompare completamente. Ciò fornisce molti privilegi per il paziente. La struttura vascolare del paziente non è danneggiata, i test di imaging come la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica possono essere eseguiti facilmente, non impedisce la chirurgia a cuore aperto e il paziente non deve portare un oggetto metallico nei vasi cardiaci per tutta la vita.