I malati di cuore possono digiunare durante il Ramadan?

Puoi trovare gli effetti del digiuno su malattie cardiache, sintomi, cure e misure che devi prendere al Memorial.

Il digiuno aumenta il colesterolo benefico HDL e bilancia il livello dannoso di colesterolo LDL. Malattia coronarica aiuta a ridurre il rischio. Tuttavia, i cardiopatici che vogliono digiunare dovrebbero assolutamente consultare il proprio medico.

Capo del dipartimento di cardiologia, Memorial Hospital Prof. Dott. Servet Ozturk Ha fornito informazioni sulle condizioni in cui i pazienti cardiopatici possono digiunare e sui gruppi di pazienti a rischio di digiuno.

Ci sono benefici del digiuno per una persona sana?

È noto fin dall'antichità che il digiuno è benefico per le persone sane. È stato dimostrato che gli eventi di coagulazione nel sistema cardiovascolare diminuiscono nei pazienti a digiuno. Ancora una volta, nelle persone a digiuno, il colesterolo benefico (HDL), noto come benigno, aumenta ei livelli di colesterolo maligno (LDL) e trigliceridi rimangono in equilibrio. È stato dimostrato che l'omocisteina, che è un fattore di rischio per la malattia coronarica, diminuisce ai livelli più bassi nelle persone a digiuno. Con questi risultati, si può facilmente affermare che il digiuno protegge dalla malattia coronarica nelle persone sane e previene o riduce la progressione della malattia nei pazienti con malattia coronarica.

In che modo il digiuno influisce sui cardiopatici?

Ciò che si intende per problema al cuore è una malattia coronarica. Quando vengono seguite alcune regole velocenon influisce negativamente sulla malattia coronarica e non causa crisi improvvise. Tuttavia, il consumo di quantità eccessive di pasti grassi e ricchi di calorie durante l'iftar e il consumo di sigarette che non possono essere bevute durante il giorno dopo l'iftar sono fattori di rischio per i pazienti. Nel mese di Ramadan si fanno domande ai servizi di emergenza degli ospedali durante il periodo di sazietà tra iftar e sahur. Se non c'è un'abitudine alimentare eccessiva in breve tempo durante l'iftar, durante il Ramadan infarti sarà notevolmente ridotto.

Cosa dovrebbero mangiare le persone con malattia coronarica all'iftar e al sahur?

La dieta del cuore non è una dieta noiosa per la vita molto impegnativa. La dieta consigliata ai cardiopatici è una dieta consigliata alle persone sane per condurre una vita di qualità e diventa ancora più importante durante il Ramadan. È molto importante stare lontano dalle margarine con burro, grassi di frattaglie, grassi contenuti nella carne di montone e grasso visibile di manzo. Oltre a tutto ciò, è necessario evitare anche pasticcini e dessert eccessivamente calorici. È molto importante per la salute evitare questi nutrienti, che hanno effetti negativi sulla salute cardiovascolare, non solo durante il Ramadan, ma anche per tutta la vita della persona. Una dieta sana ha anche un effetto protettivo contro il diabete e il cancro.

Evita i pasti veloci e pesanti all'iftar

Non dovrebbe assolutamente mangiare velocemente per l'iftar. Prima di tutto, una colazione leggera con tè, pane e formaggio o zuppa dovrebbe essere preferita il più possibile con abbondanza di cibi succosi, non fritti, eccessivamente grassi. Pasta, composta e composta sono l'ideale. Se non puoi rinunciare alla pasticceria; non fritti e al fornoDovrebbe avere molte verdure e dovrebbe essere mangiato con moderazione. Si consigliano anche ceci, lenticchie e fagioli, ma i legumi vanno consumati in piccole quantità perché sono difficili da digerire. Le spezie che aumentano la secrezione acida dello stomaco non dovrebbero essere consumate durante il Ramadan. In sahur, la convinzione che mangiare troppo ti mantiene pieno per molto tempo dovrebbe essere abbandonata. Perché più si mangiano dolci che aumentano lo zucchero nel sangue, più si ha fame. I tavoli Sahur dovrebbero essere preparati come la colazione. Oltre agli alimenti che soddisferanno il fabbisogno idrico e minerale, dovrebbe essere consumata una quantità misurata di uova, latte, yogurt, formaggio o cibi ricchi di fibre (piatti a base di verdure). Entrambi consentono di aumentare lentamente lo zucchero nel sangue e ritardano anche la fame perché non causano un'eccessiva secrezione gastrica.

Tutti i cardiopatici possono digiunare?

Il digiuno è rischioso per le persone la cui malattia coronarica non è stata trattata. Questi pazienti sono ad alto rischio di avere un attacco di cuore, specialmente dopo pasti iftar ad alto contenuto di grassi, ipercalorici e che consumano rapidamente cibo. In caso di insufficienza cardiaca causata da motivi quali infarto dovuto all'occlusione dei vasi coronarici, ingrossamento del cuore dovuto all'ipertensione che non è stata trattata bene per anni, malattie delle valvole cardiache che non sono state trattate in tempo o malattie del muscolo cardiaco , i pazienti non possono digiunare anche se usano farmaci. Insufficienza cardiaca Le persone con diuretici usano i diuretici per ridurre l'eccesso di sale e acqua nei loro corpi. A causa degli effetti dei farmaci, durante il digiuno si verificano perdite eccessive di sale e acqua. Ciò può causare svenimenti o addirittura shock. Durante l'iftar, l'acqua e il sale eccessivamente caricati sul corpo costringono il cuore, che ha già un potere di pompaggio borderline, a lavorare troppo. Inoltre, dopo un pasto veloce e abbondante, aumenta la velocità della circolazione sanguigna dell'apparato digerente gastrointestinale. Questo mette il 20% in più di tensione sul cuore. Il sovraccarico porta allo scompenso cardiaco.

In che modo le persone che digiunano sono influenzate dal caldo?

Se la persona che digiuna trascorrerà il mese di Ramadan riposando o facendo poco lavoro, dove lavora in quali condizioni è un fattore importante per le perdite di liquidi ed elettroliti. Oggigiorno, molti farmaci sono diventati efficaci assumendo una singola dose al giorno, ma non assumere farmaci durante il periodo di digiuno, che può richiedere 15-16 ore nella stagione calda, può essere scomodo per alcuni pazienti. Anche gli ambienti di lavoro delle persone sono importanti. Una persona che lavora a una scrivania in un ambiente con aria condizionata o un malato di cardiopatia ischemica che intende trascorrere il Ramadan come vacanza sull'altopiano veloce Mentre un giovane sano che lavora sotto il sole nei mesi estivi potrebbe non essere in grado di digiunare. Per questo, i pazienti che vogliono digiunare dovrebbero informare i loro medici sulla loro situazione, agire in linea con le loro opinioni e raccomandazioni e prendere accordi sui farmaci insieme ai loro medici.

Quali suggerimenti si possono dare durante il Ramadan per i pazienti che non sanno di avere una malattia coronarica?

Le persone con rischio di malattie cardiache dovrebbero assolutamente essere controllate se vogliono digiunare. La malattia coronarica, che è borderline o latente nel Ramadan, specialmente dopo l'iftar, può verificarsi con un attacco di cuore. Questo può comportare enormi rischi per la persona.

Puoi leggere il nostro articolo intitolato Avvertimento del Ramadan per i pazienti con pressione alta qui.