Prevenire le vene varicose in gravidanza

Le vene varicose che si manifestano con sintomi come dolore, gonfiore, intorpidimento e sensazione di formicolio alle gambe sono comuni, specialmente nelle donne. Le vene varicose, che aumentano durante la gravidanza, che è il periodo più sensibile delle donne, vengono ignorate con la preoccupazione che qualsiasi trattamento sarà scomodo durante questo periodo. Gli specialisti del dipartimento di chirurgia cardiovascolare del Memorial Ankara Hospital hanno fornito informazioni sulle vene varicose e sui metodi di trattamento durante la gravidanza.

Trascurato dalla maggior parte dei pazienti

Le vene varicose, in altre parole l'insufficienza venosa, sono un problema di salute che colpisce le gambe e si manifesta in 1 persona su 4 nella società. Viene spesso trascurato perché non è una malattia pericolosa per la vita e non causa gravi restrizioni nelle fasi iniziali. Fatta eccezione per i pazienti che si occupano di disturbi estetici, gravi cambiamenti della pelle e formazione di ferite aperte nelle fasi successive sono motivi per consultare un medico. Innesca questa situazione anche la paura di indossare calze a compressione, la sensazione di incompatibilità con il trattamento della calza e il pregiudizio che il trattamento non possa beneficiare del trattamento.

I reclami aumentano durante la gravidanza

I reclami causati dalle vene varicose, che si riscontrano principalmente nelle donne, aumentano durante la gravidanza. È anche comune che le vene varicose compaiano per la prima volta durante la gravidanza. La gravidanza è un processo molto speciale e divertente per le donne. In questo processo, i cambiamenti nell'utero, nei fluidi corporei e nel sistema ormonale facilitano lo sviluppo di insufficienza venosa e capillari o la formazione di vene varicose più grandi. Soprattutto nei pazienti con diagnosi di vene varicose prima della gravidanza, si verificano reclami più pronunciati.

Il dolore alle gambe può essere dovuto alle vene varicose, non all'aumento di peso.

Il dolore alle gambe durante la gravidanza è generalmente interpretato come dolore muscolo-articolare che si verifica a causa dell'aumento del peso corporeo. Ancora una volta, il gonfiore alle gambe è attribuito all'aumento del peso corporeo. Anche le grandi vene varicose che possono formarsi all'inguine nelle fasi successive della gravidanza sono percepite come normali. Tuttavia, sebbene il corpo subisca cambiamenti fisiologici, questi disturbi non sono fisiologici. Gonfiore e dolore, che sono i reperti più comuni delle varici, indicano che l'insufficienza venosa aumenta a causa dell'aumento dei liquidi corporei durante la gravidanza e della pressione sulla vena principale sul lato destro dell'addome man mano che l'utero cresce. Suggerire alle donne incinte di sdraiarsi sul fianco sinistro ha lo scopo di ridurre la pressione. Tuttavia, quando ci sono tali reclami, le donne incinte dovrebbero essere assolutamente valutate da un chirurgo cardiovascolare. La presenza di insufficienza venosa o edema linfatico deve essere determinata mediante esame ed ecografia doppler.

Le calze compressive speciali per le donne incinte riducono i reclami

Le calze compressive, adatte per la zona addominale, riducono i disturbi oltre a prevenire la progressione della malattia e quindi ridurre la formazione di vene varicose visibili. L'uso di farmaci nelle donne in gravidanza dovrebbe essere evitato tranne che per motivi obbligatori. Allo stesso modo, l'iniezione o l'intervento chirurgico non è raccomandato per le vene varicose durante questo periodo. L'opzione di trattamento appropriata dovrebbe essere determinata dopo il periodo dell'allattamento al seno. Le raccomandazioni per ridurre i disturbi causati dalle vene varicose durante la gravidanza possono essere elencate come segue:

Suggerimenti per ridurre i disturbi causati dalle vene varicose durante la gravidanza:

  1. Durante il sonno, le gambe dovrebbero rimanere più in alto del livello del cuore. A tale scopo, il lato piedi del letto può essere sollevato con zeppe di 2-3 centimetri.
  2. Esercizi come camminare, andare in bicicletta o nuotare dovrebbero essere eseguiti regolarmente ogni giorno. Poiché questi esercizi consentono ai muscoli del polpaccio e della coscia di lavorare, facilitano il flusso sanguigno venoso e contribuiscono alla riduzione dei disturbi.
  3. Ogni giorno, le gambe devono essere mantenute a una temperatura leggermente più calda di quella corporea, circa 32 gradi di acqua, in posizione orizzontale.
  4. Dopo il bagno, fare una doccia fredda sulle gambe.
  5. Devono essere utilizzate calze compressive consigliate dal medico.
  6. Va tenuto presente che il rischio di sviluppo e progressione di malattie venose durante la gravidanza è più facile e non va dimenticato che è necessario consultare uno specialista cardiovascolare per prendere le necessarie precauzioni.