Non lasciare che l'emicrania cronica prenda il sopravvento sulla tua vita

L'emicrania è nota come una malattia molto comune che influisce negativamente sulla vita quotidiana e quasi toglie la gioia di vivere. L'emicrania, che non è un normale mal di testa, di solito inizia unilateralmente sul collo, sulle tempie o intorno agli occhi. Il dolore pulsante è accompagnato da sensibilità alla luce e al suono, nausea e vomito. Il dolore, aggravato dall'attività fisica, diminuisce la produttività e il comfort della persona nella vita lavorativa e sociale. Assoc. Dott. Nilgül Yardimci ha fornito informazioni sul trattamento con botox nel trattamento dell'emicrania cronica.

La frequenza degli attacchi di emicrania varia da individuo a individuo. Gli attacchi intermittenti di emicrania sono chiamati "emicrania episodica". Si definisce "emicrania cronica" il dolore che soddisfa i criteri di emicrania per almeno 3 mesi, almeno 15 cefalee ogni mese, almeno 8 giorni al giorno.

Non devi dire che non se ne va e sopporta il mal di testa

L'emicrania cronica, che causa un mal di testa prolungato e grave, si osserva nell'1-3% della popolazione. Le persone con emicrania cronica hanno una qualità di vita inferiore rispetto all'emicrania episodica e fanno più ricoveri in ospedale. Il loro consumo di droghe è elevato e il loro lavoro quotidiano e l'efficienza della vita sono bassi. Affrontare l'emicrania cronica, che trasforma la vita dei pazienti in un incubo, potrebbe non essere così facile come sembra. È importante evitare lo stress e non solo il carico di antidolorifici. Se la persona sperimenta attacchi di emicrania a intervalli regolari e frequenti e pensa che l'attacco e la gravità del dolore siano cambiati, un neurologo dovrebbe assolutamente consultare un neurologo.

La depressione può bussare alla tua porta

I farmaci utilizzati nel trattamento dell'emicrania mirano ad eliminare il dolore durante gli attacchi di mal di testa e a fermare i sintomi di accompagnamento come nausea e vomito o per controllare la frequenza degli attacchi di mal di testa. Alcuni farmaci utilizzati nel trattamento di altre malattie come l'epilessia, l'ipertensione e la depressione vengono utilizzati anche nel trattamento dell'emicrania. Tuttavia, nonostante la diversità del trattamento, l'efficacia del trattamento è bassa nei pazienti con emicrania cronica ei pazienti sono a rischio di malattie di accompagnamento come l'uso eccessivo di farmaci antidolorifici, depressione, disturbi d'ansia e disturbi del sonno.

Il trattamento con Botox migliora la qualità della vita

Botox attira l'attenzione tra i nuovi metodi di trattamento grazie alla sua efficacia nel trattamento dell'emicrania cronica. Gli studi dimostrano che il botox ha un'elevata affidabilità e tollerabilità nei pazienti con emicrania ed è efficace nel ridurre il numero di giorni di mal di testa e il numero e la gravità degli attacchi di emicrania. Botox è specificamente indicato come trattamento preventivo per l'emicrania cronica negli adulti. L'applicazione di Botox previene i trasmettitori chimici che stimolano il dolore dalle terminazioni nervose nelle persone con emicrania cronica e, come risultato di questa prevenzione, i percorsi del dolore che si estendono dall'estremità del nervo al sistema nervoso non possono essere attivati ​​e il dolore può essere controllato prima di raggiungere il cervello.

La pianificazione del trattamento è personalizzata

Secondo lo schema di iniezione raccomandato negli studi, il botox viene somministrato come iniezione intramuscolare a 31 punti determinati tra cui la fronte, la tempia e la nuca del paziente. Il trattamento è pianificato individualmente e ci sono almeno 2 periodi di trattamento con intervalli di 12 settimane. In alcuni pazienti, l'iniezione deve essere ripetuta per l'efficacia terapeutica, mentre in alcuni pazienti l'efficacia continua per diversi anni. Con la decisione di un neurologo specialista, è possibile applicare dosi aggiuntive alle aree necessarie nelle iniezioni di botox a seconda della posizione del dolore e il paziente dice addio all'emicrania cronica con risultati positivi.