Non lasciare che la stagione dei pollini in arrivo con la primavera non abbia un incubo

Gli esperti del dipartimento delle malattie toraciche del Memorial Hospital hanno fornito informazioni sulle "allergie primaverili".

Le sostanze che provocano reazioni allergiche in individui sensibili sono chiamate "allergeni". Gli allergeni possono entrare nel corpo attraverso l'aria / la respirazione (come polline, muffe, polvere domestica), per via orale (come cibo, medicinali) e la pelle (come sostanze chimiche, punture di insetti). Le malattie allergiche includono asma, febbre da fieno, eczema, orticaria (orticaria) e febbre oculare.

L'allergia può verificarsi nelle persone con tendenza genetica sotto l'influenza di fattori ambientali. Mentre un individuo sano che non ha allergie non ha problemi a respirare il polline, sintomi come starnuti, naso che cola, raffreddore e mancanza di respiro si verificano in individui allergici.

Il polline può diffondersi dal vento e influenzare un ambiente molto vasto.

Il polline, o polveri di fiori, che trasformano le belle giornate primaverili delle persone allergiche in un incubo, sono i semi maschili delle piante. I piccoli pollini possono provocare allergie anche a persone a chilometri di distanza dalla pianta, poiché trasportati dal vento. Le allergie ai pollini degli individui allergici differiscono. Il polline degli alberi causa lamentele soprattutto in febbraio-maggio, il polline delle erbe infestanti in maggio-giugno, il polline delle erbe infestanti provoca lamentele da metà estate all'autunno. La quantità di polline nell'aria è solitamente più alta nelle ore mattutine. Poiché la quantità di polline che vola nell'aria diminuisce nei giorni di pioggia, le persone con allergia ai pollini si sentono a proprio agio. Al contrario, la diffusione del polline aumenta nelle giornate calde e ventose. Alcune persone possono anche sperimentare allergie a piante di una famiglia simile al polline a cui sono allergiche. Questo si chiama "allergia crociata". Ad esempio, le persone allergiche al polline di betulla possono avere prurito alle labbra e al palato quando mangiano mele, pere, carote, sedano e pomodori.

Il polline provoca malattie allergiche

Il polline può scatenare la febbre da fieno (rinite allergica) e sintomi di asma. La febbre da fieno è in realtà il nome comune della malattia nota come "rinite allergica stagionale". Spesso i primi sintomi compaiono nell'infanzia e nell'adolescenza. Provoca disturbi come secrezione nasale e nasale e prurito, starnuti, lacrimazione / lacrimazione / arrossamento degli occhi e lividi sotto custodia. Nei bambini, quando il naso viene spinto verso l'alto con la mano ("saluto allergico"), si può vedere una cicatrice a forma di linea sul naso. Questo disagio, che sconvolge la qualità della vita, si verifica con l'inalazione di polline e il contatto con gli occhi. Alcuni pazienti con rinite allergica possono pensare di avere un'infezione microbica delle vie respiratorie. I pazienti con reclami che superano le 1-2 settimane dovrebbero assolutamente consultare un medico.

Il primo passo per prevenire la febbre da fieno è determinare a quale polline il paziente è allergico. A tale scopo, vengono utilizzati test cutanei, che vengono applicati rapidamente e facilmente, e talvolta vengono utilizzati esami del sangue. Quando viene rilevato il fattore allergico, la persona dovrebbe allontanarsene il più possibile. Nel trattamento vengono utilizzati farmaci anti-allergici. La terapia vaccinale può anche aiutare ad alleviare i sintomi in individui idonei.

I mesi primaverili aumentano i disturbi dell'asma

L'asma, che si presenta con sintomi quali mancanza di respiro, fame d'aria, tosse, produzione di espettorato, congestione toracica, può peggiorare con la diffusione del polline in primavera. I pazienti asmatici con allergia ai pollini possono avere un aumento dei disturbi nel corso delle settimane / mesi in cui i pollini a cui sono allergici si diffondono. Durante questo periodo, potrebbe essere necessario riorganizzare il trattamento farmacologico del paziente. Evitare il polline è un po 'più difficile di altri allergeni. Con alcune misure da adottare per questo, la quantità di polline a cui la persona è esposta può essere ridotta. Sebbene possa sembrare la persona ideale per spostare la pianta allergica dall'area in cui cresce in un altro luogo, una persona allergica al polline può sviluppare un'allergia al nuovo polline a cui è esposta nel tempo quando si trasferisce in una nuova area.

A cosa dovrebbero prestare attenzione i pazienti asmatici durante la stagione dei pollini?

  • Le finestre delle auto e delle case devono essere tenute chiuse. La casa dovrebbe essere ventilata nel pomeriggio, poiché il polline si diffonde principalmente tra le 05:00 e le 10:00 del mattino.
  • Il paziente non dovrebbe uscire il più possibile. Quando esce, dovrebbe usare una maschera antipolline se può.
  • Non è giusto fare sport all'aperto durante la stagione dei pollini.
  • Anche gli occhiali da sole che coprono i lati degli occhi quando si esce possono essere utili.
  • Quando si torna a casa dall'esterno, i vestiti devono essere cambiati e lavati immediatamente, se possibile, anche l'interno del naso deve essere lavato e deve essere fatto un bagno. Lavare i capelli è anche utile in termini di pulizia del polline bloccato qui.
  • Il bucato non deve essere asciugato all'aperto, il polline potrebbe attaccarsi. Se possibile, utilizzare un'asciugatrice durante la stagione dei pollini.
  • I filtri antipolline dei condizionatori d'aria di casa e dell'auto dovrebbero essere cambiati frequentemente.
  • I purificatori d'aria per interni possono essere utili per rimuovere il polline che entra in casa.
  • Evitare sostanze irritanti come polvere, fumo di sigaretta, odore di vernice e profumo durante la stagione dei pollini previene il peggioramento delle lamentele di una persona allergica al polline.

Anche se la persona è intrinsecamente incline alle allergie, il ruolo dell'ambiente nello sviluppo delle allergie non può essere negato. Le misure antiallergiche che devono essere adottate dalle persone con predisposizione genetica prevengono o ritardano l'insorgenza di disturbi allergici.