Il tuo dolore al viso potrebbe non essere la fonte dei denti

Ci sono molte cause di dolore nell'area del viso e le lamentele possono spesso essere confuse con il mal di denti. Alcuni di questi dolori, che possono comparire sul viso e sconvolgere la vita della persona, possono essere causati dalla "Nevralgia del Trigemino", una malattia del nervo cerebrale. Gli specialisti del Dipartimento di Chirurgia del cervello, dei nervi e del midollo spinale presso il Memorial Şişli Hospital hanno fornito informazioni sulla "Nevralgia del trigemino e il suo trattamento", che è noto come dolore facciale improvviso tra le persone e che si manifesta con dolore simile a scosse elettriche.

Potrebbero esserci pazienti che desiderano rimuovere i denti intatti.

Il nervo proveniente dalla regione del tronco encefalico e che controlla i sensi soprattutto nella fronte, nelle tempie e nella mascella è chiamato "trigemino". Il nervo trigemino prende i sensi del tatto e li trasferisce al cervello come sensazione, così come muove i muscoli della mascella. Il dolore causato da problemi a questo nervo si avverte anche sul viso, sul mento e sulle tempie. I pazienti con nevralgia del trigemino, popolarmente noti come dolore facciale improvviso, definiscono il dolore come dolore a breve termine che si presenta in uno stile fulmineo. Si ritiene generalmente che il dolore sia causato da dolore alla mascella superiore e inferiore. Pertanto, a volte i pazienti possono persino estrarre i denti sani per porre fine al dolore, nonostante le obiezioni dei dentisti.

Il dolore può essere sentito anche quando si ride

La causa esatta della nevralgia del trigemino è sconosciuta. Tumori, malattie gengivali e articolari, fastidio nella zona instabile della mascella inferiore del viso e talvolta malattie della vena facciale possono causare dolore. Il dolore, che è un sintomo della malattia, può verificarsi quando si mangia, si parla, si fa la barba, si ride, si prende un grosso boccone di frutta come mele e pere o si tocca una parte del viso. La frequenza del dolore è aumentata nel corso degli anni. I pazienti fanno attenzione a non mangiare, ridere o mordere il più possibile con il lato dolorante del viso per ridurre il dolore che provano. Ogni dolore facciale non deve essere considerato come nevralgia del trigemino e la causa è sconosciuta. Se c'è un problema di fondo per il dolore, è importante che sia definitivamente esaminato da uno specialista.

È più comune nelle donne

Mentre la nevralgia del trigemino è osservata in 5-7 persone su 100mila nella società, la sua incidenza è più alta nelle donne rispetto agli uomini. Generalmente, si riscontra nei 50-60 anni di età dimostra che la trasmissione congenita o genetica non è efficace alla base della malattia. È importante prendere una storia completa della malattia per formulare la diagnosi. Inoltre, i progressi nell'imaging radiologico, specialmente con il progresso delle tecniche di risonanza magnetica, possono essere fatte una diagnosi più sana.

L'uso di droghe a lungo termine può causare effetti collaterali

La maggior parte dei pazienti riceve cure mediche per una parte significativa della loro vita. I farmaci utilizzati possono variare da 200 mg a 3000 mg a seconda della resistenza della malattia. I farmaci utilizzati nel trattamento sono sconsigliati per un uso prolungato poiché hanno alcuni effetti collaterali come nausea, vomito, vertigini, disturbi della concentrazione e malattie del sangue nel midollo osseo.

Tasso di successo molto alto nel trattamento chirurgico

I pazienti in condizioni adeguate vengono indirizzati a trattamenti chirurgici al fine di evitare gli effetti collaterali osservati nel trattamento farmacologico. Vengono applicati metodi chirurgici come il taglio del nervo facciale nel primo periodo della malattia, l'iniezione di alcol nel punto da cui proviene il nervo, il gonfiaggio del palloncino o il cauterio. Sebbene la percentuale di successo in alcuni di questi metodi sia piuttosto alta, il problema in genere si ripresenta. Piccole dosi di radiazioni possono essere applicate all'area problematica con metodi come Gamma Knife e Cyber ​​Knife. Oltre ad alcuni rischi, questi metodi di trattamento hanno anche la possibilità di recidiva della malattia. Nella microchirurgia, che viene definita metodo di decompressione microvascolare, viene praticata una piccola incisione entrando dalla regione posteriore dell'orecchio del paziente. Dopo che il cranio è stato aperto, un morbido cuscino chiamato Teflon viene posizionato tra la vena e il nervo. Con il paziente che esce dall'anestesia, il problema del dolore scompare. In questo metodo, che ha una percentuale di successo del 90-95%, anche il rischio di recidiva della malattia è molto basso.